“Diario di un suicida indeciso” presentato a Tellaro

Mercoledì 24 luglio alle ore 21.00 a Tellaro (La Spezia), nella splendida cornice della Piazzetta In Selàa, per “Incontri con l’Autore” Mariangela Guandalina presenta il libro “Diario di un suicida indeciso” di Eugenio Felicori edito da Giovane Holden Edizioni. Un romanzo noir avvincente, da leggere tutto d’un fiato, che vede protagonista un aspirante suicida tra atmosfere stranianti e avvenimenti surreali. Un’ambientazione esotica per questo libro che è quasi un racconto d’avventura caratterizzato da uno stile fluido ed elegante. Sarà presente l’autore, l’ingresso è libero.

“Diario di un suicida indeciso”
Un avvincente romanzo noir dalle atmosfere particolarissime: un’isola tropicale, un vulcano semi addormentato, un aspirante suicida, un impiccato che non è chi dovrebbe essere, un diario che appare e scompare, uno stregone africano, una piantagione di vaniglia molto sospetta, la tomba di un vero pirata, una coppia di anziani coniugi che se ne stavano bene a casa loro, dulcis in fundo un commissario nero e zelante con un aiutante bianco e indolente. Eppure, fin dalle prime battute è l’aspirante suicida Jean Pierre Chambonnet il protagonista assoluto della vicenda, è lui con le sue manie, le sue frustrazioni, la sua lucida e contagiosa ironia che cattura l’attenzione del lettore e lo incatena alla storia. Quasi senza soldi, alla soglia dei sessant’anni non ha mai lavorato e non sa fare niente. Suicidarsi, certo, ma solo dopo avere “saggiamente” impiegato i pochi euro rimasti in rhum, tabacco, giovani donne compiacenti, cocaina, vitto e alloggio annotando l’evolversi della situazione nel suo Moleskine. L’ambientazione esotica, unita allo stile, elegante e semplice al tempo stesso, rende il libro ipnotico. Ricco di contenuti, con acute descrizioni psicologiche, si legge tuttavia veloce come un racconto d’avventura. In un’ipotetica seduta di libroterapia, una lettura da consigliare assolutamente!

Eugenio Felicori è nato a Bologna nel 1942 e risiede a Segrate (Mi). Ha fatto un altro mestiere – ingegnere con importanti incarichi manageriali in aziende italiane e multinazionali – con molto impegno e qualche buon successo. Da alcuni anni esercita a tempo pieno il mestiere di pensionato, attività non facile che richiede buona salute, ottimismo, voglia di rimettersi in gioco. Se lo si fa bene, questo mestiere consente di produrre volontariato, lettura, scrittura e altro ancora. Ha pubblicato Il sapore del sale sbc Edizioni, Il diavolo di Rionero M. Pagliai Editore, Racconti lievi per pendolari stanchi Giovane Holden Edizioni e 13 Racconti per serate noiose Editrice Montedit. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti in importanti concorsi letterari. Prima dell’uscita di questo Diario godeva stima di persona seria e morigerata.

www.giovaneholden.it

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.