Solanas (Sinnai), vacanza sulle spiagge della Sardegna meridionale

A est ci sono il Capo Carbonara e l’Isola dei Cavoli, ad ovest il Capo Spartivento. In mezzo, come un arco dorato teso tra queste due punte incantate, c’è il litorale magnifico del Golfo degli Angeli, detto anche Golfo di Cagliari, che disegna la sponda sud della Sardegna.

Qui, incastonata tra altri gioielli splendidi portati dal mare, si inserisce fiera la località di Solanas, frazione balneare di Sinnai, in provincia di Cagliari.

Distante 35 km dal capoluogo e 11 km da Villasimius, Solanas è un nastro luminoso di più di un chilometro, accarezzato da una brezza che sa di sale e da un mare surreale, cristallino e puro. Chi passeggia lungo la costa è circondato da vedute contrastanti, che come in un collage bizzarro compongono un paesaggio variegato: da un lato le onde turchesi, dall’altro le montagne dell’entroterra, agghindate di macchia mediterranea. Il mirto, i lecci e i ginepri si aggrappano tenaci alla roccia, sferzati dal vento fresco della costa sarda, osservati dall’alto dalle aquile e usati come riparo da cervi, capre, cavalli e pecore allo stato brado.

Solanas è un’isola amministrativa del paese di Sinnai, a 34 km di distanza, e ne costituisce una finestra sul mare, ma il territorio costiero è molto distante dal centro del comune ed è quasi un mondo a parte, dove la meraviglia della natura ha la meglio sulla manciata di casette discrete. Ad affascinare i visitatori è soprattutto la sabbia candida, soffice come farina, che contrasta con le scogliere dei promontori laterali. L’ambiente è incontaminato, selvaggio, tanto suggestivo da sembrare un paradiso solitario, sconosciuto alle attività dell’uomo. Ci si potrebbe credere davvero, se non fosse per le comodità che Solanas garantisce ai suoi ospiti, come si addice alle migliori località balneari: per godere appieno del sole e del mare limpidissimo si può contare su una spiaggia attrezzata, dotata di ombrelloni, sedie sdraio, chioschi per ristorarsi e giochi d’acqua per i più piccoli.

Chi non si accontenta di sguazzare nel puro relax può cercare emozioni più forti, concedendosi un’avventurosa gita in barca o in gommone, e presso la scuola di sub si ha la possibilità di sperimentare un’immersione nel parco marino di Villasimius, dove può accadere di avvistare la foca monaca. Quando siete sazi di vita da spiaggia e volete assaporare un po’ di verde, potete spingervi verso l’entroterra e passeggiare nella macchia mediterranea, alla scoperta del parco naturale dei Sette Fratelli. Qui le foreste di lecci si fanno sempre più fitte e affascinanti, alternandosi a picchi rocciosi irraggiungibili.

Nei dintorni non mancano altre calette e località interessanti, come le spiagge diMari PintauGeremeas e Cann’e Mari, e se cercate un po’ di vivacità potete raggiungere il centro di Sinnai, dove potrete partecipare ad alcune delle manifestazioni e degli eventi organizzati nei vari periodi dell’anno.

Tra le feste tradizionali più amate ci sono quelle del carnevale e le celebrazioni religiose, da sempre legate ai ritmi un po’ magici delle attività agricole. Gli appuntamenti più appassionanti sono però gli spettacoli estivi di Sinnai e Solanas, i grandi concerti di dicembre e in particolare quello di Capodanno, e per finire i mercatini coi prodotti dell’artigianato locale. La gastronomia sopraffina del luogo si fa valere durante “La fiera del cestino”, la “Fiera del dolce” e la sagra “Sa Tundidroxa”, ispirata all’antica arte della tosatura delle pecore. Da non perdere i concerti di primavera del corpo bandistico comunale.

Ad accogliere i turisti, regalando idilliaci soggiorni balneari, c’è il fantastico clima mediterraneo di Solanascon temperature sempre miti e un’aria profumata rinfrescata dalla brezza marina. In ogni mese dell’anno, anche in inverno, le giornate sono molto piacevoli, con temperature medie comprese tra i 18°C e i 20°C. Le piogge sono scarse e incostanti, più frequenti in autunno e alla fine della primavera. Le nevicate e i banchi di nebbia sono fenomeni più unici che rari, mentre soffia spesso un vento maestrale secco e asciutto.

Fonte: www.ilturista.info

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.