La voce del pino n.4 ovvero Quanti liceali ho visto

Ho le fronde acute e verdi
ancor  libere nel vento.

Sono ormai monumentale

ma ben lucido e rammento

con grandissima emozione

i ripassi frettolosi

di studenti ginnasiali

e fanciulle liceali.

Ho imparato lungo il tempo

da ragazze e giovanotti

che sciamavano al Liceo

la fatica dello studio e la gioia

del sapere che fa rima con dovere.

Desolato e trepidante,

sto attendendo la sentenza

che riguarda l’esistenza

sulla terra dei miei rami,

“morituri” all’improvviso,

per un finto modernismo

che si chiama conformismo.

(D’Artagnan)

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.