Chi ha messo Roberto Alinghieri nel tritacarne?

Nei mesi scorsi sulle pagine di Laspeziaoggi.it e di altre testate giornalistiche erano state messe in luce incongruenze e passaggi poco chiari riguardo alla short list per il Teatro Civico.

La nomina dell’attore Roberto Alinghieri aveva suscitato perplessità non tanto per ciò che Alinghieri rappresenta (le sue capacità vengono riconosciute anche dagli altri partecipanti al bando), quanto perché il suo nome era già stato fatto dall’assessore Del Prato ancora prima che uscisse il bando.

Il 6 giugno il TAR ha sospeso la nomina e a breve si saprà come andrà a finire la cosa.

Comunque andranno le cose per Roberto Alinghieri questo è un danno di immagine e soprattutto un danno morale visto che più volte ha espresso pubblicamente il suo rammarico per la spiacevole vicenda.

Ho una domanda per Roberto Alinghieri, vorrei chiedergli se è consapevole di chi realmente lo ha messo nel tritacarne.

I ricorsisti avevano tutto il diritto di fare questo ricorso, chi invece ha deciso prima non aveva il diritto di farlo. Forse l’amministrazione spezzina non è abituata al dissenso e alla contestazione, per non farci l’abitudine dovranno cominciare ad agire in modo più chiaro e trasparente. Anche per non generare ancora situazioni di questo genere ed evitare che alla fine ci rimetta chi non c’entra, in questo caso Roberto Alinghieri che comunque è un professionista.

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.