Illuminations. Idee per il futuro dell’arte in città.

Carrara si interroga sul suo futuro di “cantiere” del contemporaneo e lo fa invitando  giornalisti e critici d’arte. Nelle serate del 12 e 26 luglio 2013, il bel giardino di Palazzo Binelli,  a partire dalle ore 21.00,  sarà animato dagli incontri-dibattitoIlluminations. Idee per il futuro dell’arte in cittàaperti a tutta la cittadinanza.Un’occasione  per confrontarsi e proporre parole-chiave  sulla rinascita dell’arte e delle grandi mostre come motore di  sviluppo dell’economia  del territorio.

Gli eventi, promossi e sostenuti da Comune di Carrara, Camera di Commercio di Massa e Carrara, Fondazione Cassa di Risparmio Carrara, Associazione Industriali di Massa e Carrara, Accademia di Belle Arti di Carrara e organizzati da Carrarafiere, sono stati ideati dal Prof. Luciano Massari per la sezione artistica di Carrara Marble Weeks 2013.

Nati da una riflessione sul ruolo ricoperto dalla capitale mondiale del marmo e dai suoi laboratori nel recente rilancio della scultura nell’arte contemporanea,  gli incontri porranno l’accento anche sulla Biennale di Scultura e sull’idea fondativa a essa sottesa,  sul fascino che il marmo continua a esercitare nella cultura visiva odierna e sulle prospettive di una tradizione che si rinnova in uno sfondo geopolitico  globale e locale.

La scelta dei relatori è stata compiuta  secondo una visione che tenesse conto anche delle diverse “scritture”giornalistiche: dalle più importanti testate di informazione on line dedicate al  mondo dell’arte, come Artribune ed Exibartrappresentate da Matteo Innocenti e Adriana Polveroni, alle testate di attualità, con Simona Maggiorelli caporedattrice del settimanale Left-Avvenimenti, passando da uno sguardo legato all’economia generata dall’arte su un territorio con Sara Dolfi Agostini de Il Sole 24 Ore, fino a chi di mostre scrive tutti i giorni con i ritmi dei blog, come Valentina Bernabei (giornalista del blogautore Parole D arte diD di Repubblica). o con i tempi dilatati di un periodico come Andrea Ruggieri diArteeCritica

A coordinare e moderare gli incontri  sarà Pietro Gaglianò, curatore indipendente, specializzato nelle indagini sul contesto urbano, architettonico e sociale come scena delle pratiche artistiche contemporanee, che, per il futuro di Carrara spera in “un ritorno al locale, inteso come assunzione di responsabilità rispetto al linguaggio e alle condizioni ineludibili del confronto con i cittadini, i luoghi, i loro stati di emergenza e interrogazione”.

 

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.