Sabato 6 luglio Spezia invasa dal jazz

Sabato 6 luglio dalle ore 21.00 il centro della Spezia sarà invaso dalla musica. Dopo l’esperienza positiva del 2012, il Festival Internazionale del Jazz ripropone la Notte in Jazz.

Piazza Mentana, Piazza del Bastione, Via del Prione e Via Cavour saranno le location degli otto concerti in programma per questa notte di musica. Due big band universitarie provenienti dagli Stati Uniti, la big band del Conservatorio della Spezia, la Monday Big Band, gli allievi dei corsi di musica e le star internazionali presenti al festival regaleranno alla città ore di musica.

In piazza Mentana, fulcro dell’evento e della serata, alle 22.30 sul palco del festival salirà un quintetto stellare con Kevin Hays, Scott Colley, Donny Mc Caslin, Flavio Boltro e Francisco Mela. Ma i protagonisti della serata saranno anche tanti musicisti spezzini. Oltre alla Monday Big Band e alla Big Band del Conservatorio nei vari spazi allestiti per la serata si esibiranno molti dei giovani musicisti della Spezia tra loro citiamo Leonardo Corradi e Matteo Cidale. Alle iniziative musicali però se ne affiancheranno anche altre collaterali collegate al festival ed al jazz in generale. Tra tutte citiamo la presentazione del libro Gietz di Andrea Campanella all’Urban Center alle 19 con Kevin Hays e Flavio Boltro come ospiti d’onore. Per l’occasione è stata anche allestita una mostra sulla graphic novel di Campanella. Particolare interessante da segnalare è che mentre a Piazza Mentana sarà allestito un palco nelle altre location dei concerti i musicisti saranno tra la gente. Questo nasce con lo scopo di abbattere tutte le barriere tra gli spettatori e gli esecutori e per far essere i primi protagonisti della serata. Tutti gli eventi della Notte in Jazz grazie al Comune della Spezia e la Fondazione Carispezia saranno gratuiti e aperti a tutti. Un evento del genere è stato reso possibile grazie all’impegno e la passione di tantissime realtà locali. Il Teatro Civico, il Conservatorio della Spezia, il Boss, il Dialma Ruggero, l’associazione Amici del Jazz, il Bacchus e tanti cittadini con il loro impegno e volontariato hanno reso possibile questa grande notte di musica. Tornando al concerto principale della serata a Piazza Mentana alle 22.30 il festival presenta un quintetto in esclusiva unica ed irripetibile. I musicisti americani che compongono la band mai prima di sabato avevano suonato insieme. La Band nasce proprio per quest’occasione speciale e ad uso e consumo esclusiva per la Spezia e per gli spettatori provenienti da fuori provincia che in questi giorni hanno frequentato il festival. Dopo i concerti nel centro storico la serata terminerà al Centro Allende, dove i ragazzi del Boss hanno allestito per il festival un vero e proprio jazz club, con una jam session che proseguirà tutta la notte.

“Sono felice di come sono andate le cose in questi giorni”. Dichiara Italo Leali direttore artistico del festival. “Oltre 400 persone a sera hanno partecipato ai concerti del festival non facendoci mai mancare ne il sostegno e ne il loro calore. Quest’anno poi il festival ha gettato alcune basi fondamentali per il futuro. Le collaborazioni con le Università Americane con cui abbiamo rafforzato il rapporto iniziato tre anni fa. Il patrocinio dei conservatori di Adria e Benevento che si sono aggiunti a quella della Spezia. E la collaborazione con Dialma Center e le associazioni giovanili sono le fondamenta su cui costruire il festival del futuro. Devo dire che sono rimasto colpito anche dalla forte partecipazione di pubblico a tutte le iniziative del festival. Oltre i concerti tutte le sere al Boss Centro Allende hanno partecipato alle jam session centinaia di persone. Tra loro oltre agli appassionati storici moltissimi giovani che si sono avvicinati a questa grande musica, scoprendola sotto una nuova luce. Ora bisogna fare tesoro di quanto di positivo realizzato quest’anno e correggere gli errori fatti. Da settembre ci metteremo subito al lavoro con tutto il mondo giovanile e dell’associazionismo della città per organizzare nel 2014 un festival ancora più grande e all’altezza della sua storia”.

Domenica il festival si chiuderà con il premio in omaggio al suo fondatore Tiberio Nicola. Cinque band si contenderanno la finale al premio nato per ricordare chi ha reso possibile tutto questo.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.