Testamento biologico, ne parlano i 5 Stelle e De Luca

Ieri sera in Consiglio Comunale è stata votata la delibera per l’istituzione del Registro Comunale del Testamento Biologico passata con 17 voti favorevoli 6 contrari e 3 astenuti. La delibera è la conclusione dell’iter cominciato con una nostra mozione nell’ottobre dello scorso anno che ha unito (e diviso) trasversalmente il Consiglio Comunale dando origine ad un acceso dibattito che alla fine, fortunatamente, si è concluso con una vittoria di civiltà e con l’attuazione concreta di un diritto sancito nell’art 32 della nostra Costituzione in cui si afferma che i cittadini sono liberi di accettare o rifiutare trattamenti sanitari.
Il Movimento 5 stelle La Spezia, rompendo l’impasse che si era creato negli anni, è orgoglioso di aver posto la pietra fondamentale per l’introduzione di un registro dove i cittadini che desiderano farlo, potranno scrivere le proprie disposizioni anticipate sul fine vita nel caso in cui venga loro meno la naturale capacità di intendere e volere.

MoVimento 5 Stelle

E’ stato approvato il regolamento comunale dei testamenti biologici da parte del Comune della Spezia. A darne informazione è il consigliere Luigi De Luca del PDL in una nota che afferma che c’é un proliferare in tutta Italia di mozioni, regolamenti sui registri dei testamenti biologici di cui non c’è l’utilità giuridica. Una cosa è certa si continuano a produrre costi da parte delle amministrazioni in un momento in cui il “diktat” proprio da parte loro è: risparmio e restrizione su tutti i fronti. De Luca nel suo intervento ha citato la posizione del vicepresidente nazionale dell’Unione giuristi cattolici Giancarlo Cerelli che spiega che «L’istituzione in vari Comuni italiani del registro dei testamenti biologici è un atto simbolico e ideologico ma del tutto inutile», «Tali registri, come anche i registri sulle unioni civili, sono privi di efficacia giuridica, poiché manca una legge dello Stato che li istituisca: nessuna norma di legge, infatti, abilita il Comune a gestire il servizio relativo alle dichiarazioni anticipate di trattamento». La competenza esclusiva dello Stato è motivata dal fatto che aspetti del bene comune quali la salute e la famiglia sono così rilevanti per il tessuto sociale che non possono essere lasciati all’arbitrio delle singole amministrazioni comunali come peraltro stabilito dalla Costituzione: la determinazione dei principi fondamentali è riservata alla legislazione dello Stato. E’ vero che già altri Comuni hanno già approvato il registro di testamenti biologici. Ma, ad esempio, il collegio dei garanti di Milano ne ha bocciato l’istituzione (7 giugno 2012) per difetto di competenza del Comune su materia riservata esclusivamente al legislatore nazionale, in base alla circolare interministeriale del 19 novembre 2010.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.