Piazza Verdi, memoria di Italia Nostra e Legambiente

Continua la mobilitazione degli spezzini contro il progetto Buren, per una Piazza Verdi più vivibile ma non stravolta, come di fatto uscirebbe se venisse attuato quanto voluto dal Comune della Spezia.
Nel fine settimana appena trascorso, il presidio permanente di Comitato e Associazioni ha raccolto più di 700 firme contro il Progetto Buren e per la rimozione delle transenne che impediscono una pubblica fruizione della piazza.
Questo risultato, che si va aggiungere alle migliaia di altre firme raccolte nelle settimane e nei mesi scorsi, è la risposta migliore a chi dipinge le associazioni, i comitati e i singoli cittadini come una estrema minoranza urlante; non siamo contro la risistemazione della piazza, ben vengano progetti che le rendano decoro urbano, pulizia, gestione corretta della raccolta differenziata dei rifiuti, ma no all’abbattimento ed allo snaturamento delle sue caratteristiche storico- culturali.
In questo senso abbiamo inviato, nella giornata odierna, una memoria scritta alla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Liguria e alla Sovrintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici della Liguria, in cui chiediamo di rivedere immediatamente il nulla osta (rilasciata con lettera della succitata Sovrintendenza il 21/06/2013) a svolgere i lavori nelle parti laterali della Piazza – in considerazione del fatto che, alla luce della verifica dell’interesse culturale richiesto dalla Direzione Regionale e dalla stessa Sovrintendenza, potrebbe essere necessario ripresentare un progetto unitario per tutta la Piazza.
Nella stessa memoria chiediamo a Direzione Regionale e Sovrintendenza un incontro per evidenziare le nostre posizioni sulla vicenda e per produrre documentazione utile alla verifica culturale in atto.

Italia Nostra La Spezia
LEGAMBIENTE La Spezia

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.