Lettera da Pagliari al Sindaco

I PERCHE’ DEL Ns. Beneamato Ill.mo Sindaco MASSIMO FEDERICI e a tutta la giunta comunale nell’esercizio delle loro funzioni

Partendo dal presupposto che voi avete RAGIONE (direi sempre) non riesco però a capire il vs.comportamento da “spezzini” ( menefreghismo,interesse personale o clienterale ) perché non dimostrate e non avete un comportamento da dirigenti ai quali si puo dare fiducia in quanto operano per il bene della comunita?

Ciò è dimostrato dal fatto che prima decidete, informate persino Buren e dopo chiedete il parere(vedi Piazza Verdi); ha ragione Sgarbi!

Un buon amministratore pubblico consulta i cittadini, ascolta le critiche, che sono utili per migliorare,e poi decide.
DISCARICA: Non trovo giusto che Saturnia e chissà forse anche Monte Montada,vengano riaperte a causa di una non precisa emergenza che è più manovra  di intrallazzo per cercare di salvare ACAM ed io,democraticamente non posso far altro che scendere in Piazza.
Perché i comuni della Provincia salvo alcuni, non si trovano un sito in cui aprire una propria discarica ben controllata per evitare conferimenti all’esterno e ad ognuno la sua rumenta, evitando il trasporto da una discarica all’altra? Il trasporto a Massa quanto costa? Certo avendo ciascuno la sua il trasporto sarebbe meno costoso e sarebbe più equo per tutti specialmente facendo una effettiva differenziata.

Siete mai stati a vedere la discarica degli Stagnoni? Un fetore nauseabondo e come mai è saltato l’obbiettivo di una differenziata al 48%?
Inettitudine? Una schifezza di discarica anche a livello funzionale.
Se non avete troppi impegni perché non andate a vedere come funziona la differenziata, sia in discarica, sia a livello cittadino-periferico, controllata, dove occorre da telecamere.
Siamo in Italia,anche se sembra un’altra Italiaper esempio in provincia di Treviso a Conegliano e a Mareno di Piave.
IL DECORO CITTADINO :come un mosaico i pezzi li sistemate, un plauso, ma quanto ci costano?
Inutile poi presentare i bilanci in pareggio senza rendere conto dei debiti caricati poi sulle amministrazioni successive,come sempre le magagne si vedono dopo!
E i soldi della comunità spesi…..come?

E con quale fiducia andrò a votare? (Spezzini pensateci e provate a fare i conti di quanto pagate per capire in che cassetti rimangono, si dimenticano e poi …  spariscono).
In seguito alla protesta di Giulio Guerri io invito le associazioni del commercio, industria e artigianato a sollevarsi da questo stallo e possibilmente a scendere in piazza per chiedere una politica diversa e un cambio di amministrazione.
Illustrissimo Sig.Sindaco, non essendo Lei rieleggibile a fine mandato il suo partito è da dimenticare dopo anni di dissolutezza, ma ti ricorderò come persona alla quale non è fregato niente della sua città e del suo sviluppo e parlo anche per i miei figli che per lavorare sono dovuti, come tanti,  emigrare in altre città.
Un amareggiato e disilluso abitante di Pagliari, località nella quale, se obbligato a venire, lo faresti scortato dai carabinieri come se i delinquenti fossimo noi. Saremmo noi invece a dover venire in Comune, se ce ne fosse bisogno, scortati non solo dalle forze dell’ordine ma anche appoggiati da tutte le forze politiche che sono più vicine a noi.
Giulio38, abitante a Pagliari dalla nascita e molto attaccato non solo al suo quartiere, ma alla città tutta.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.