Elezioni PortoVenere, una riflessione di Marco Grondacci

Dopo la netta sconfitta a Portovenere della Giunta uscente mi viene in mente quanto scrissi nel mio Rapporto Finale relativo al percorso di ascolto attivo nella zona della baia dell’Olivo. Quel Rapporto fu steso dal sottoscritto nella qualità di Garante del percorso, come sintesi finale di tutto quanto emerso dalle interviste ai rappresentanti dei vari interessi ambientali, sociali ed economici presenti su quel territorio.

In quel Rapporto, in particolare nelle conclusioni (sezione Bilancio del consenso sull’operato dell’Amministrazione Comunale) emergevano due elementi significativi: SULLA EFFICIENZA DECISIONALE della Amministrazione attuale e di quelle precedenti, dove si rilevava da parte di tutti gli intervistati: una mancanza di visione di insieme del territorio della baia dell’Olivo, una difficoltà a realizzare interventi concreti, una carenza di attenzione alla manutenzione ordinaria del territorio. SULLA TRASPARENZA della Amministrazione comunale dove si affermava: “Anche i soggetti meno critici verso l’operato della amministrazione rilevano una carenza di attenzione comunicativa preventiva della Amministrazione Comunale sulle ragioni di determinate decisioni o dei ritardi nelle stesse.”

Forse gli amministratori uscenti avrebbero dovuto leggere con più attenzione e meno supponenza quel Rapporto ma evidentemente avevano di meglio da fare per esempio insultare a pochi giorni dalle elezioni il sottoscritto accusandolo pubblicamente, in modo totalmente falso, di scorrettezza professionale. Avrebbero, invece, fatto meglio a seguire i suggerimenti di quel Rapporto. In particolare quelli sulla necessità di cambiare il rapporto tra cittadini e Amministrazione Comunale, forse avrebbero perso lo stesso, ma almeno non avrebbero fatto la figura di quelli che “cadono dal pero”!

(Marco Grondacci)

Advertisements
Advertisements
Advertisements

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.