Spezia, statistiche guardando il futuro

Con i play-off di questi giorni che decretano la terza e ultima squadra che salirà in serie A, la stagione 2012-2013 termina davvero, dopo una cavalcata iniziata lo scorso agosto: adesso con alla presidenza Tacoli, senza il rinnovo del tecnico amato dalla tifoseria: “zio” Gigi Cagni e dal ds Vitale, mai rimpianto dalla tifoseria; lo Spezia si appresta a gettare le basi per la prossima stagione sportiva sempre in serie B.

Il sottoscritto da sempre tifoso aquilotto, prima che attuale cronista, si è divertito a fare “due statistiche” dei campionati disputati nella sua lunga e purtroppo tormentata storia, dalla società bianca.

Nel riassunto tabellare si può notare come il risultato appena concluso sia il migliore dell’”era moderna aquilotta” viste i due tormentati tornei della presidenza Ruggeri. Il miglior risultato ottenuto dagli aquilotti comunque rimane quello del torneo a girone unico (sempre a 22 squadre come quelli attualmente organizzati dalla Lega serie B) del ‘49-’50 con un sesto posto storico arrivando a 48 punti (gli attuali 69 se consideriamo tre punti per ogni vittoria). In quella stagione da ricordare ben 21 partite vinte.

Per effettuare le giuste comparazioni di ogni campionato di serie B disputato, si è tenuto conto dei tre punti per ogni vittoria, come avviene nei tornei moderni in Italia dal 1994-95. All’epoca si davano due punti per il risultato pieno. Questo per ricordare che la storia insegna sempre e per ricordare da dove veniamo (dedicato soprattutto ai giovani tifosi aquilotti: beati loro!). Sempre forza Spezia!

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.