Pinocchieide, la mostra di Antonio Russo Trani

Pinocchieide, ovvero: Pinocchio al Gran Teatro dei Burattini, è la mostra personale di Antonio Russo Trani che verrà inaugurata martedì 28 maggio (ore 18) al Centro Allende.

“Tutte le arti contribuiscono all’arte più difficile: quella di vivere”. Con tale citazione di Bertolt Brecht desidero introdurre il “mio” Pinocchio – spiega l’artista – arcinoto personaggio della letteratura universale (e non solo dell’infanzia!), attorno al quale, per più di un secolo si sono aggregate tante varianti iconografiche e interpretative.

E’ davvero un’arte difficile la vita vissuta da Pinocchio, un’esistere che si snoda in continue avventure e disavventure, nel possibile e nell’impossibile; eppure un’arte di vivere mai banale, mediocre o monotona, anzi, impostata su derive anarcoidi e testardaggini stemperate a volte da pulsioni emotive e sentimentali utili poi all’esito finale possibile-impossibile del racconto: la trasformazione del corpo ligneo in carne viva.

Questa mostra è rappresentata nel solo ambito episodico del Gran Teatro dei Burattini che – a mio parere – resta una tra le più belle metafore di Carlo Lorenzini (Collodi). Pertanto Pinocchio diventa parte di un insieme di legni antropomorfizzati, assemblati tutti con materia di scarto – rifiuto – riciclo e voluti come proposta iconografica altra, dissacrate e liberatoria, specie se si fa riferimento alle probabili-improbabili allusioni ai sessi, cercando così di definire un superamento dei tabù e degli ordinamenti moralistici ancora permanenti nei sottostrati della cultura corrente.

L’inaugurazione avrà luogo martedì 28 maggio alle ore 18, sarà poi visitabile tutti i giorni fino all’8 giugno dalle 18 alle 20.

 

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.