Non è cosa vostra: il manifesto di Gustavo Zagrebelsky e la mobilitazione a Bologna

Non è cosa vostra

Manifestazione per la Costituzione
Bologna – domenica 2 giugno
(piazza Santo Stefano – ore 13.30 -17.30)

Da anni, ormai, sotto la maschera della ricerca di efficienza si tenta di cambiare il senso della Costituzione: da strumento di democrazia a garanzia di oligarchie. Non è in gioco solo una forma di governo che, per motivi tecnici, può piacere più di un’altra. L’uguaglianza, la giustizia sociale, la protezione dei deboli e di coloro che la crisi ha posto ai margini della società, la trasparenza del potere e la responsabilità dei governanti sono caratteri della democrazia. Così Gustavo Zagrebelsky nel manifesto che chiama a raccolta associazioni e movimenti della società civile. Più di 30 le adesioni già arrivate oltre a quelle di singoli politici ed esponenti della cultura. La manifestazione di Bologna primo appuntamento per raccogliere in un impegno e in un movimento comune la difesa e la promozione dellademocrazia costituzionale che, per tanti segni, ci pare pericolare.

Sul palco (hanno per ora confermato): Gustavo Zagrebelsky, Sandra Bonsanti, Stefano Rodotà, Salvatore Settis, Nando dalla Chiesa, Lorenza Carlassare, Alessandro Pace, Maurizio Landini, Carlo Smuraglia, Beppe Giulietti, Raniero La ValleGiovanna Maggiani Chelli, Alberto Vannucci, Giovanni Bachelet, Simona Peverelli, Elisabetta Rubini

 

Associazione Libertà e Giustizia
viale Col di Lana 12 – 20136 Milano MI
tel 0245491066 – fax 0245491067
info@libertaegiustizia.it – www.libertaegiustizia.it

Advertisements
Advertisements
Advertisements

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.