Comitato Spiagge Libere Olivo: come sparisce una battigia, terreno di tutti

Spett.le redazione,

prelevare ghiaia (o quello che c’è) dalla battigia, per riempire i buchi nell’arenile “non è buona pratica ambientale” (eufemismo), ed è fuori legge se non vi sono le dovute autorizzazioni. Per la verità anche se ci fossero autorizzazioni del genere dubitiamo fortemente che possano essere legittime. Purtroppo non è la prima volta che vediamo prelevare ghiaia dalla spiaggia, che faticosamente si riforma durante le mareggiate invernali, in questo caso di fronte allo stabilimento balneare all’Arenella, a Porto Venere. Sappiamo che in altri punti c’è erosione, ed addirittura ci sono due corsi d’acqua che attraversano questa spiaggia, evidenti dopo tanta pioggia, ma la battigia è di tutti, non possiamo rimanere inerti e farci distruggere le poche spiagge che abbiamo qui, già orrendamente ferite da muretti ed anche scogliere abusive come abbiamo segnalato in passato. Naturalmente le autorità competenti sono state informate, anche in questo caso, ma fino ad ora ci risulta un nulla di fatto, come del resto per la scogliera abusiva già accertata ufficialmente con atto del novembre scorso, che però non ha portato ad atti conseguenti sino ad ora, a nostra conoscenza. Nella fotografia si vede come sparisce una battigia, se si utilizza per riempire i buchi all’interno dell’arenile. E’ successo sabato scorso, ma è successo altre volte. Questa foto risale al 2012, e nel cerchio rosso è evidenziata la ghiaia appena lanciata col badile prima di ricadere all’interno della carriola.

Daniele Brunetti
Comitato Spiagge Libere Olivo (Porto Venere – SP)

Advertisements
Advertisements
Advertisements

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.