Gli animalisti protestano contro il trasferimento dei cani da Sarzana a Bologna

Scoppia la protesta degli animalisti per la decisione del Comune di Sarzana di trasferire i cani dal canile locale alla provincia di Bologna. Secondo l’amministrazione sarzanese tenere i cani in città costa troppo: da qui la decisione, nel 2011, di lasciar scadere le convenzioni con le strutture locali ed emettere bando di gara, bando vinto al ribasso da una struttura emiliana di Calderara sul Reno, Bologna.  Già nel 2011, come spiega in un documentato reportage il Secolo XIX, i cittadini e le associazioni a tutela degli animali presenti su territorio provinciale hanno, con vigore, dimostrato la loro opposizione ad una simile politica; anche l’Ufficio Provinciale Tutela Animali aveva criticato le modalità frettolose con cui era stata gestita tutta l’operazione: il Comune di Sarzana non aveva ritenuto neanche di avvertire l’Ufficio medesimo.

Secondo i cittadini contrari, il Comune di Sarzana “cade” su tre fronti:

1) non tiene in considerazione la volontà dei cittadini
2) non considera il benessere psicofisico degli animali (che soffrirebbero durante il trasferimento)
3) appare confuso circa il concetto di risparmio: il trasferimento costerebbe di più del potenziamento di strutture nel territorio

Per contrastare questa decisione, ci sono due iniziative: la prima è quella di scrivere una lettera a sindaco e altre autorità politiche (su Facebook, al seguente link, potete trovare il testo); la seconda è una manifestazione di protesta che si terrà a Sarzana, in Piazza Matteotti, a partire dalle 15 in Piazza Matteotti (evento).

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.