Focus on Tilt-Teatro indipendente ligure

Una due giorni di festa per mostrare che la Liguria dei teatri è una realtà vivace, giovane, ricca di storie e di talenti. L’ha promossa TILT il circuito del Teatro indipendente ligure che fa capo a una attivissima ANNA RUSSO. Tra le  realtà che hanno aderito a TILT anche la compagnia spezzina ORDINE SPARSO di Giovanni Berretta, che dirige anche il Festival NIN alla Fortezza Firmafede (Sarzana).

Molte le iniziative in cartellone concentrate nello spazio della ex Abbazia di San Bernardino, nel quartiere storico del Carmine anticipate da un workshop (4-5-maggio) di Simone Pacini (fattiditeatro) sulla comunicazione teatrale.

L’ashtag era #tiltteatro e molti sono stati i twitter che segnalavano cosa accadeva nello spazio del transetto della chiesa: si faceva teatro, si parlava di critica, si discuteva di economie e di residenze culturali.

Sabato 11 maggio era la volta della critica teatrale e con Laura Santini, Silvana Zanovello, Roberto Rinaldi Rosy Battaglia e Gianni Poli abbiamo mostrato i mille volti della scrittura critica, le forme e i formati con cui si dà corpo (multimediale) a  una recensione o un approfondimento.

Si è parlato di #retecritica, di portali web, di come interagire con il mondo della critica per le compagnie, della necessità di residenze sia per gli artisti che per gli “osservatori” (giornalisti, autori, critici). Comunicare teatro diventa la necessità vitale per tutti coloro che cercano di farsi largo nel mare magnum delle proposte di spettacolo.

Certo, se la logica degli scambi  prevale non solo per i grandi teatri Stabili ma anche per le piccole compagnie del teatro di ricerca che gestiscono spazi anche in provincia (e lo vediamo anche nella nostra microscopica realtà spezzina….d’altra parte se non puoi contare sulle tue capacità artistiche come fai ad arrivare a festival importanti?o a dirigere teatri o spazi comunali???…meditiamo) come si potrà davvero sperare in una selezione basata solo sulla qualità della proposta, sulla novità?

Mentelocale ovvero il “Time out” di Genova e dintorni anche grazie al  lavoro di approfondimento di LAURA SANTINI è un punto di riferimento regionale e non solo, per districarsi nelle mille proposte artistiche, musicali, teatrali liguri che spesso, purtroppo passano inosservate: Dice Laura Santini: “Parola d’ordine: bisogna andare a teatro”. Un giornalista, lo sappiamo, riceve con anticipo molti materiali, SPESSO AUTOCELEBRATIVI e le compagnie vogliono il lancio per il debutto, per la prima uscita. Basterebbe mettere insieme questi  comunicati per fare un articolo, già sufficiente per un pubblico distratto. Ma per fortuna, appunto c’è chi, come Laura e la sottoscritta e come molti colleghi seri,  va a teatro e verifica di persona se le straordinarie intenzioni d’arte scritte sui volantini, sulle mail di invito, si risolvono in qualcosa di concretamente interessante sul palcoscenico.

Noi, appunto siamo quelli che prima vanno a teatro, vedono, e poi scrivono. Non orientiamo economie ma almeno diamo le coordinate per capire il teatro.

Possiamo chiamarlo anche impegno,  senso etico della professione. Che sia un lavoro di recensione per il web o per la carta stampata noi ci assumiamo sempre la responsabilità di ciò che scriviamo. Ognuno di noi si sente “militante” perché in un momento in cui la cultura è in “stato di assedio” dobbiamo far sentire forte e chiara la nostra voce, far capire la nostra posizione. La cultura deve venire prima di tutto il resto.

Questa bella discussione fa da contorno all’idea di TILT di dare vita alla CONSULTA REGIONALE DEL TEATRO a seguito dell’assemblea pubblica D’-Istruzioni per l’uso convocata il 13 febbraio scorso a cui hanno partecipato l’Assessore regionale alla cultura e al turismo Angelo Berlangieri e l’assessore alla cultura del Comune di Genova Carla Sibilla.

Il pomeriggio e tutta la serata di ieri e oggi si sono alternati e si alterneranno gruppi  con la loro proposta in forma di “pillola”: Teatro Agricolo, Dinamici Teatri/Luigi Marangoni, Il Teatro della potenza, Gruppo Limpido/banda Kurenai, Teatro dell’ortica, Andrea Benfante, Teatro delle formiche, Teatro dell’Aria, Compagnia dell’Ordine sparso, Compagnia Filò, Gruppo Stranità, Teatro Sacco.

In attesa di una tappa spezzina di TILT un grande in bocca al lupo agli artisti!

Anna Monteverdi

 

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.