9 maggio, Giorno della memoria delle vittime del terrorismo e delle stragi.

Oggi, 9 maggio, è l’anniversario della morte di Aldo Moro, che venne ucciso 35 anni fa dalle Brigate Rosse. A partire dal 2008 il 9 maggio è il Giorno della memoria delle vittime del terrorismo e delle stragi. 

In un Paese come il nostro, che sembra avere ben poca memoria, è positivo che vi siano iniziative di questo genere, anche se questa giornata di ricordo non appare adeguatamente promossa. Bisognerebbe invece parlarne di più; i nomi delle vittime del terrorismo non devono e non possono essere dimenticati e non devono in alcun modo passare in secondo piano.

Anche la nostra città ha celebrato questa giornata: stamattina, presso il Memoriale (posto nell’atrio del Palazzo del Governo) si è svolta una cerimonia commemorativa, alla presenza delle autorità della Provincia, dell’Unione Mutilati per Servizio, delle Associazioni d’Arma, dell’Associazione Libera e dell’Associazione studi giuridici Giuseppe Borré.

Nell’occasione è stata inaugurata la mostra “Anni di Piombo, la voce delle vittime, per non dimenticare” alla cui realizzazione ha contribuito l’Associazione Italiana Vittime del Terrorismo e dell’Eversione Contro l’Ordine Costituzionale dello Stato, che ha raccolto i materiali.

Nell’ambito del progetto “I francobolli raccontano l’Italia” sono stati esposti esemplari filatelici dedicati alle vittime del terrorismo.

Sicuramente una bella iniziativa, che ci auguriamo non rimanga isolata o fine a se stessa: l’esercizio della memoria è importante e non andrebbe mai tralasciato.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.