Al limite del buio, un romanzo di Aldo Boraschi

Al limite del buio è un romanzo di Aldo Boraschi, edito da “Rupe Mutevole” nel 2012.

Si parte da un omicidio, commesso in una tiepida notte di maggio nella cittadina di Lavagna. Il morto è Giovanni Battista Bernabò, detto Giobatta. Apparentemente è un omicidio inspiegabile. Chi poteva voler morto Giobatta, pensionato, sposato senza figli, fervente animalista e antivivisezionista? Non sembrano esserci indizi, né movente… così Fabio Riccò, giornalista locale, inizia a indagare assieme all’amico Maresciallo, cercando di carpire notizie importanti alla fidanzata, di professione Pubblico Ministero, che si occupa ufficialmente del caso.

A partire da due parole farfugliate da Bernabò prima di morire, inizia un viaggio che porterà Fabio da un’anziana signora russa, poi da qualcuno (di cui ovviamente non svelerò le generalità) che gli fornirà un indizio fondamentale. Un viaggio nei luoghi, dalla Liguria fin verso Parma, ma anche un viaggio nel tempo. Ritorna fuori un evento, vecchio di un secolo, che riguarda una una famiglia russa… cos’ha a che fare quella storia del passato con quella attuale?

Riuscirà il giornalista a ricostruire la vicenda?

Al limite del buio è un romanzo breve, di lettura veloce. La scrittura di Boraschi è avvincente, trascina nella storia. E siamo anche noi nelle viuzze con Fabio, respiriamo il profumo del mare ligure e ci sentiamo un po’ anche noi investigatori.

(Il romanzo è acquistabile su Ibs). Per conoscere l’autore, giornalista e scrittore: Il Blog.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.