Gianni Lannes alla Spezia

Il giornalista d’inchiesta Gianni Lannes sarà presente alla Spezia per rendere noto, pubblicamente, il contenuto delle sue inchieste, estremamente dettagliate e documentate. I principali argomenti trattati, in 25 anni di attività, riguardano le navi dei veleni (ben 203 navi affondate nel mare Italiano, ritrovate, identificate e catalogate), il traffico di armi e di rifiuti pericolosi, il traffico di esseri umani, le scie chimiche, i progetti HAARP e MUOS. Durante la conferenza verrà presentato anche il nuovo libro “Terra Muta” – Luigi Pellegrini Editore, che affronta l’annoso problema degli esperimenti ambientali.

Il giornalista sarà alla Spezia, in Sala della Provincia – Via Veneto 2, il giorno 22 Aprile p.v. alle ore 17:00. Al termine della presentazione del libro sarà possibile dialogare con l’autore e porre domande sulle principali inchieste svolte anche nel nostro territorio. Riprendiamo quel che scrive l’Editore Pellegrini nella presentazione di “Terra Muta”: “Terremoti naturali o artificiali? Lutti e sofferenza infinita. L’Italia è scossa da una sequenza insolita di sismi che mietono vittime ignare e causano danni incalcolabili. È in atto una guerra ambientale non dichiarata, sottoposta al segreto di Stato. ….. In questi tempi confusi, l’eccesso di informazione si traduce in difetto di sapere. Ma un giornalista italiano, libero e indipendente, ha fatto luce, prove alla mano, su questo mistero, nonostante attentati e minacce di morte. Non più vittime. La sua esortazione è SU LA TESTA, prima che sia troppo tardi, prima che vada in onda il disastro finale”. Fantascienza? Decisamente no! L’Appendice di questo volume, a cui si rimandano gli increduli ed i disinformatori di professione, contiene una selezione di prove inoppugnabili per chiunque… Questo volume può apparire come un romanzo di fantascienza, ma non c’è alcun intento di stupire con effetti speciali. Lo stesso Lannes dice che spesso la verità è a tal punto incredibile da prestarsi ad essere interpretata come un parto della fantasia. Allora il responso finisce inevitabilmente per essere più di uno. Sarà il lettore a stabilire se questa storia è fantastica ed inverosimile, fantasiosa ma verosimile, o inverosimile ma autentica. Gianni Lannes dal 1987 svolge all’estero e in Italia il mestiere di giornalista e fotografo libero e indipendente. Ha lavorato nei settimanali L’Espresso, Panorama, Famiglia Cristiana, Io Donna, D La Repubblica delle Donne, Il Venerdì di Repubblica, Avvenimenti, Diario. Ha scritto inoltre, per i mensili Airone, La Nuova Ecologia, Medicina Democratica, Il Gargano Nuovo. Infine ha collaborato con i quotidiani L’Unità, Il Manifesto, Liberazione, La Gazzetta del Mezzogiorno, La Repubblica, L’Indipendente, La Stampa, Il Corriere della Sera. A causa della sua inchiesta sulle cosiddette “navi dei veleni”, ha subito attentati e minacce di morte. Dal 22 dicembre 2009 al 22 agosto 2011 ha vissuto sotto scorta della Polizia di Stato. Nel 2009 ha pubblicato, per la casa editrice La Meridiana, il suo primo libro “NATO: COLPITO E AFFONDATO”, un saggio sulla base del quale la magistratura ha riaperto un caso archiviato nel 1997. Decisive le sue indagini sulla strage di Ustica e sulla scomparsa dei colleghi Ilaria Alpi e Miran Hrovatin. Nel 2010 ha ottenuto in Sicilia il “Premio Internazionale all’impegno sociale 2010, XVI Memoriale Rosario Livatino e Antonino Saetta” (magistrati uccisi dalla mafia).

Nel 2012 per la casa editrice Draco ha pubblicato il suo secondo libro “IL GRANDE FRATELLO- STRATEGIA DEL DOMINIO”. Il commento dell’editore è significativo della difficoltà che il giornalista incontra quando deve pubblicare i suoi libri. “Io non sono nessuno, e continuerò ad esserlo, mi basta essere un uomo. Figuriamoci poi come editore che rilievo posso avere, paragonato a chi oggi, in Italia e nel mondo, domina il mercato dell’informazione. Mi chiedo quindi perché devo essere io a pubblicare questo libro di Gianni Lannes. Gianni è un bravo giornalista, ha fatto inchieste importanti, ha rischiato, e rischia la vita, solo per aver tentato di affermare la verità su alcune cose che gridano vendetta al cospetto di Dio. Perché nessuno in Italia si è preso la briga di pubblicarlo?”

L’indirizzo del blog di Gianni Lannes e le schede dei suoi libri:

– Nato: colpito e affondato.

– Il Grande Fratello-strategia del dominio

Terra muta


Advertisements
Advertisements
Advertisements

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.