Forcieri risponde ad Arbasetti: disponibile al confronto

Se c’è una cosa che il signor Arbasetti non può dire è che “predico bene e razzolo male”. Innanzitutto l’AP non fa prediche ma si esprime con atti formali e motivati ai sensi di legge.

Infatti, quelle che il signor Arbasetti definisce “affermazioni”, circa il fatto che i lavori di LSCT inizieranno solo dopo la ricollocazione delle marine, sono precise clausole contenute nell’accordo sostitutivo della concessione, a tutela sia delle marine sia della realizzazione del PRP. Sempre nel rispetto del PRP, abbiamo realizzato la nuova Marina presso il Mirabello dove è già stata trasferita una parte delle Marine del Canaletto. Abbiamo poi acquisito dalla Marina Militare il Molo Pagliari, dove trasferire, come previsto dal PRP, le altre marine ed in particolare quelle storiche. Abbiamo poi liberato l’area che era occupata dai silos dell’Enel, che abbiamo provveduto a demolire (purtroppo i lavori sono attualmente interrotti per il fallimento dell’impresa e stiamo operando perché siano riavviati al più presto), nonché quella attualmente occupata da Intermarine: tutto ciò per realizzare una nuova, bella marina – una marina aperta ai cittadini e agli abitanti del quartiere, non irraggiungibile e trincerata dietro cancellate e muri di cemento come quelle attuali-, il cui progetto è già stato realizzato dall’AP e portato in conferenza dei servizi per la sua approvazione. Sulla base di questo progetto è stato siglato un accordo con le marine storiche di Fossamastra, sono in corso incontri con i mitilicoltori ed altri concessionari per verificare esigenze particolari e definire analoghi accordi.

Alcuni concessionari, invece, tra cui, “La Vela”, presieduta dal signor Arbasetti, hanno preferito imboccare ancora una volta la strada del ricorso al TAR. Nonostante ciò non ci siamo mai negati al confronto.

Dopo alcuni ritardi iniziali dovuti alla necessità di definire esattamente compiti, funzioni, struttura organizzativa e modalità di funzionamento, il tavolo di concertazione sul PRP ha iniziato i propri lavori. Il 14.12.2011 il tavolo permanente ha approvato la composizione della commissione tecnica che si è poi riunita il 09.10.2012 (il lasso di tempo fu dovuto ai ritardi nella designazione dei componenti da parte degli enti e associazioni interessate) , il 05.11.2012, il 04.03.2013 e tornerà a riunirsi lunedì prossimo, 15.04.2013: la commissione sta quindi lavorando regolarmente.

Detto questo, ribadiamo la nostra assoluta disponibilità ad incontrare in qualsiasi momento il signor Arbasetti, gli altri titolari delle marine e i cittadini che fanno parte del Comitato che egli rappresenta. Questo perché noi crediamo sia ancora possibile, attraverso un positivo spirito di collaborazione che finora, in altri ambiti, ha prodotto ottimi frutti, riuscendo a dirimere contrapposizioni e a trovare soluzioni condivise, individuare un accordo anche con coloro che hanno sempre preferito addivenire a vie legali piuttosto che accettare un confronto diretto”.

Lorenzo Forcieri, Presidente Autorità Portuale della Spezia

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.