Quartieri del Levante: nessuna contrapposizione allo scalo portuale.

In questa città sulla questione dello sviluppo del porto commerciale e sulla convivenza lavoro-salute-ambiente sulla stampa emergono opinioni contraddittorie e cariche di interessi di parte, che mancano del necessario rispetto per il diritto alla qualità della vita.

I cittadini residenti nei quartieri del Levante (Pagliari,Fossamastra e Canaletto) non sono contro il porto commerciale, purché la sua realizzazione sia rispettosa dei contenuti del P.R.P ., con le priorità sulle prescrizioni e la fascia di rispetto, cosa che ad oggi non è stata ancora onorata dall’attuale istituzione pubblica dell’Autorità Portuale. I cittadini del Levante non vogliono essere “umani sacrificati” allo sviluppo sovradimensionato di un grande Porto in una piccola città di mare, ma cittadini come quelli degli altri quartieri, con lo stesso diritto alla salute e alla qualità della Vita.

Quindi NO alle contrapposizioni sviluppo-lavoro-.società-ambiente,  SI’ ad un progetto rispettoso del P.R.P in tutte le sue parti.

La Spezia e la sua predisposizione turistica vanno difese e così anche la realizzazione di una stazione marittima, esattamente come prevede il P.R.P, recuperando ritardi e rivedendo progetti ormai superati dalle oggettive situazioni. Bisogna chiarire, innanzi tutto, cosa si intende fare a La Spezia per realizzare una stazione marittima, per quali tipologie di navi e quale contenitore recettivo (Livorno-Genova e Savona hanno stazioni marittime sia per la croceristica che per i traghetti). Su questo versante mi pare sia necessario valutare quali zone della costa sono più vicini ai nodi ferroviari ed ai nodi autostradali in corso di realizzazione; allora si può pensare anche di utilizzare il terminal Enel per stazione passeggeri e dismettere il carbone come utilizzo della centrale di Vallegrande. Quindi ripetiamo, per controbattere alle bugie: nessuna contrarietà ad un porto progettato e dimensionato come dettato nel P.R.P. per un equilibrio ambientale sostenibile in un sistema competitivo dei porti dell’alto Tirreno e della regione Liguria.

per il coordinamento dei quartieri del Levante il coordinatore Franco Arbasetti.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.