Laura Cremolini sul presidio di Libera

Riceviamo e pubblichiamo il commento del Presidente del Consiglio Comunale, Laura Cremolini, sul presidio di Libera inaugurato ieri in Sala Dante.
Ho partecipato ieri in Sala Dante alla nascita del presidio locale di Libera, intitolato  al giovane poliziotto Antonino Agostino, ucciso dalla mafia
insieme alla moglie nell’agosto del 1989.
È drammatico e mortificante constatare quante generazioni di italiani sono cresciute rilevando, giorno dopo giorno, nonostante l’impegno dello Stato, della Magistratura e delle Forse dell’Ordine, l’umiliante  e pressante presenza di cellule mafiose che operano contro i diritti e contro la legge. Conosco la passione che muove gli animatori di Libera e il continuativo contributo di don Luigi Ciotti nel diffondere accoratamente l’educazione alla legalità democratica, che significa contrastare la criminalità mafiosa e non solo; la corruzione, un male, ahimè, che vede l’Italia ai primi posti tra i paesi più sviluppati del mondo. Tema alla ribalta anche in questi giorni. E, poi, le delittuose attività legate al traffico di droga e all’usura.
Occorre rilanciare senza indugio e con forza progetti che favoriscano l’ occupazione e con questa l’inserimento dei giovani, sempre più ricco di
ostacoli, nel mondo del lavoro.
Fa piacere che questa iniziativa sia sostenuta dall’ apporto di tanti studenti, materializzando comportamenti lontani dalla superficialità e dalla
indifferenza. Il costruttivo messaggio che diffonde Libera ha il suo cardine, come afferma don Ciotti, nell’affermazione della conoscenza, della
responsabilità e della giustizia: valori culturali ed etici che vanno perseguiti ogni giorno e non una tantum. La conoscenza, è stato ripetuto più
volte celebrando ricorrenze di rilevanza nazionale, è un punto di forza che favorisce la condivisione di progetti di tolleranza e di civiltà che
traguardano la conquista per tutti della pace, della libertà, della giustizia, della solidarietà, dei diritti. C’è chi si frappone ostinatamente a questo
salutare progetto rivolto a donne  e uomini di ogni generazione. Tra questi, mafia e ‘ndrangheta  che non sono più da tempo “affari del sud”.
Sono piaghe non più territorialmente delimitate. È ben noto, infatti, che nella nostra Liguria sono stati commissariati alcuni comuni per infiltrazioni mafiose. Ma altre regioni del nord non sono immuni da tale rovinoso contagio. Dinanzi ad una manifestazione come questa è forte il desiderio di urlare il nostro avvilimento nel registrare che la battaglia per la legalità non è stata tuttora vinta.
Vincere questa battaglia significa abbattere il peso negativo della criminalità nell’economia generale del Paese e l’ingerenza del potere mafioso
nella realtà imprenditoriale. Significa generare nuove speranze, e quello che abbiamo condiviso ieri pomeriggio è un credibile segno di speranza.
Significa aprire non demagogicamente le porte della fiducia ai giovani che guardano al lavoro come fondamentale e risolutivo mezzo per sentirsi
umanamente e socialmente realizzati.
Significa arricchire la persona di una cultura civile, che lo abilita ad avvertire ancora di più le proprie responsabilità verso se stesso e verso il
prossimo, consapevole che dipende anche da lui se la società che vogliamo costruire è davvero più libera.
Le attività criminose, infatti, trovano il terreno facilitato laddove più marcata è la crisi economica, segnata dalla mancanza e dalla perdita di
lavoro e dalla cessazione di attività economiche, che costringono persone e famiglie a sacrifici insopportabili.
So che l’Associazione Libera si adopera per sollecitare tutti noi a fare nostra l’esigenza di un riscatto morale, che è un investimento contro le
diffuse inquietudini sociali e contro la crisi, che si propone con più volti  e che investe anche la politica.
Sono certa che la città della Spezia, con la sua storia di baluardo della democrazia, gratificata anche dai riconoscimenti che le sono stati
autorevolmente assegnati, sarà al fianco dei ragazzi di Libera nel sostenere con convinzione i loro, che sono i nostri, benemeriti scopi.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.