Rifondazione Comunista ricorda Aldo Lombardi

Domani, 9 marzo 2013, saranno otto anni dalla scomparsa di Aldo Lombardi, storico segretario spezzino del Prc, lavoratore Enel, sindacalista della sinistra Cgil, scrittore teatrale, romanziere, poeta. Ci ha lasciato improvvisamente all’età di 62 anni, all’indomani del congresso nazionale di Venezia del 2005, ed è ancora nei cuori di tutta la città e non solo.

La grande figura di Lombardi sarà ricordata domani mattina dai militanti di Rifondazione, guidati dal figlio Massimo, che gli renderanno omaggio presso la sua tomba al cimitero della Pieve della Spezia.

Aldo era il poeta degli ultimi, il difensore dei più deboli, il protagonista di infinite lotte, sempre nel nome di quell’ideale di uguaglianza e solidarietà che è il comunismo in cui credeva fortemente.

Proprio in questi giorni difficili, di trauma post elettorale e di incertezza per la nostra democrazia, vogliamo ricordare ad Aldo e a tutti i compagni che Rifondazione continua ora più che mai il suo percorso politico e storico, forte di un’idea che non si spezzerà, quella della giustizia sociale e della difesa dei lavoratori, rappresentata dal nostro glorioso simbolo. Ciao Aldo!

Così governano l’Italia (di Aldo Lombardi)

Per anni hanno regnato e regnano tuttora.
Anche se un regno senza corona, inventando parole e frasi belle
con il perbenismo, illuso un popolo
non hanno avuto vere d’oro,
non hanno mandato gente in guerra.
Però, chi ha conosciuto
e pagato prima con vere
e andando in guerra poi
ridato la libertà al popolo
oggi in piazza combatte ancora.
I regnanti con promesse
dividono la miseria dei poveri
lasciando ancora tutto ai ricchi.
Prima ti dominavano
picchiandoti in piazza;
oggi non picchiano più
perché cosi regnano bene
non per un Popolo ma per sé.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.