Interrogazione di Giulio Guerri sulla commissione per la short list

Il consigliere comunale Giulio Guerri (“Per la Nostra Città”) ha presentato una nuova interrogazione urgente per chiedere al Sindaco chiarimenti immediati sulla composizione della commissione incaricata della nomina del consulente artistico del Teatro Civico, che il Comune ha ufficialmente voluto fondare sul sistema del bando pubblico e della short list. Guerri punta l’indice sul componente esterno (e tecnico ndr) che è stato chiamato ad integrare come figura tecnica la stessa commissione e che pare trattarsi dell’ex assessore Cinzia Aloisini. “Pare” perché nulla di ufficiale compare nell’albo del sito comunale.

Sin dagli esordi del procedimento” sottolinea Guerri “abbiamo cercato, come gruppi di opposizione, di portare la pratica in una dimensione di massima trasparenza, riguardante l’assegnazione di un incarico pubblico pagato con denaro dei cittadini e per una prestazione professionale di grande rilevanza nel quadro dei servizi culturali cittadini. A tal fine avevamo richiesto ed ottenuto un primo approfondimento in Commissione Cultura, che si era chiuso con l’impegno da parte dell’amministrazione comunale ad attenersi, nelle fasi del procedimento, a criteri squisitamente tecnici e a dare al Consiglio tutti gli aggiornamenti del caso. In tal senso i gruppi di opposizione avevano anche proposto un passaggio specifico in sede di Commissione di Garanzia e Controllo, per conoscere le candidature pervenute ed audire il Sindaco. Purtroppo da allora non si è più saputo nulla e il Sindaco ha di fatto ufficialmente deciso di declinato l’invito pervenutogli dal presidente della Commissione di Garanzia. Oggi apprendiamo indirettamente ed ufficiosamente che il Comune avrebbe scelto il membro tecnico esterno della commissione deputata alla nomina nella persona di Cinzia Aloisini, la quale – in quanto espressione del partito politico del Sindaco, per cui è stata anche candidata meno di un anno fa al Consiglio Comunale, e in ragione del suo percorso amministrativo, che la vede strettamente legata ad un rapporto di organicità con lo stesso Sindaco e con il suo gruppo politico, dai quali è stata designata dapprima a fare l’assessore alle politiche sociali, quindi il presidente dell’Istituzione culturale e infine, nell’ultimo periodo, consigliere d’amminstrazione di Acam Clienti e de membro del consiglio d’indirizzo della Fondazione Carispezianon pare proprio essere la miglior risposta alle esigenze di autonomia e indipendenza che il componente tecnico esterno di una commissione deve, già in astratto, soddisfare”

Guerri pertanto chiede al Sindaco se tale circostanza è vera, come e quando sia avvenuta questa designazione, se non la ritiene inopportuna anche a fronte dell’esigenza di tutelare l’ente Comune da possibili contestazioni e conseguenti strascichi di carattere legale.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.