Il sopravvissuto, di Pippo Giordano: recensione

Qualche mese fa intervistai Pippo Giordano (ecco l’intervista), ex poliziotto, per anni in prima linea nella guerra a Cosa Nostra. Oggi parlo nuovamente di lui e del suo libro “Il sopravvissuto”, scritto con la collaborazione di Andrea Cottone, uscito nel luglio 2012, edito da Castelvecchi editore.

“Il sopravvissuto” è un pugno nello stomaco, anzi una serie di pugni nello stomaco: Falcone, Borsellino, Cassarà, Lillo Zucchetto, Montana e tanti, tantissimi altri sfilano davanti ai nostri occhi, lasciando dietro di loro una scia di sangue. Quel sangue che per troppi anni ha sporcato le strade di Palermo e della Sicilia. Corpi crivellati, fatti a pezzi, famiglie precipitate nel dolore. Questa è la mafia, questa è Cosa Nostra: terrore, distruzione e morte, regole ben precise, nessun rispetto nemmeno per la vita di donne e bambini.
In questa atmosfera che sembra irreale, in questa girandola impazzita di spari, esplosioni e cieca violenza, si muove Pippo Giordano assieme ai suoi colleghi. Con lui viviamo gli appostamenti, i depistaggi, le catture sfumate all’ultimo minuto, la mafia s’infila nelle istituzioni, lo Stato e l’anti-Stato diventano una cosa sola.

“Muto dovevo stare” così ripete Pippo in diversi punti del libro: così gli avevano insegnato e così riesce a contribuire alla cattura di molti latitanti: muto, confondendosi tra gli altri, a tu per tu con i mafiosi. Una storia che sembra un romanzo, ma che è purtroppo vita vera. Vita privata e professionale coincidono, s’intrecciano: da una parte il pensiero della famiglia, la paura di essere ucciso, dall’altra l’amore per il suo lavoro, il credere in una Sicilia migliore, il desiderio di avere giustizia per i colleghi e gli amici uccisi, di catturare i loro assassini.

Sullo sfondo della vicenda, una Sicilia lacerata e sofferente,a volte omertosa, spesso spaventata. E la sensazione di solitudine contro un nemico terribile. E infine il senso di colpa, la colpa di essere vivo.

La colpa di essere il sopravvissuto di una lunga stagione di mafia.

L’unico sopravvissuto.

Claudia Bertanza

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.