Esordio di Atzori sulla panchina dello Spezia, mai più schema bi-zona

Serie B, si riparte dopo 26 giorni di pausa . Si sono riposati abbastanza? A Spezia c’è Spezia- Hellas Verona arbitra Irrati da Pistoia, Oronzo c’è.
Lo Spezia ha grandi novità, ha dato il benservito a Mister Serena da Venezia e si è preso uno scarto della Sampdoria, Atzori. Boh.
In campo tutta la sontuosa campagna acquisti di gennaio, Guarna in porta , Romagnoli in difesa, Musacci a centrocampo. Manca un attaccante, forse l’unico che serve veramente, da affiancare al Santo. Comunicazione di servizio alla società: Sforzini subito!!! Parola di Oronzo Cana’.
In difesa completano Pasini e Goian, sulle fasce Mario Rui (detto l’ufo) e Garofalo, SanMarco e Porcari a centrocampo, dietro le punte con “bellicapelli” Di Gennaro, di punta il Santo.
Un 3-5-1-1…. Sticazzi direbbe Zeman. Abbandonato il vecchio schema bi-zona (fate quello che vi pare…) che ha reso famoso il Mister-Monster del triplete Michele Serena, Atzori schiera in campo i suoi nuovi pupilli freschi di acquisto e una sorpresa, Mario Rui , l’oggetto non identificato, finora con tre o quattro partite sulle spalle. In attacco il Santo lasciato solo solettp nella speranza degli inserimenti di SanMarco e di “bellicapelli”. Il Verona del Grande Mandorlini, presenta una squadra di tutto rispetto con un attacco da faville nel quale spicca Cacia insieme al sempre in gamba Sgrigna. Tra gli ex, in difesa il mai rimpianto Ceccarelli.
Grande assente, lo striscione degli Ultras Spezia. Mannaggia fate pace!!
Il primo tempo inizia subito con un buon ritmo. Lo Spezia è messo bene in campo e il Verona non spinge. Non ci sono grosse occasioni a parte una traversa scheggiata da Mario Rui con un sinistro tagliente al 21°.
Una sola sbavatura in difesa ad opera del solito Goian, non ci costa cara. Poi un paio di belle azioni dello Spezia, di prima e in velocità. SanMarco se ne mangia una al 26° e qualche minuto dopo è Porcari a concludere con un tiraccio sopra la traversa. Niente di più. Si va negli spogliatoi.
Secondo tempo. Il Verona parte forte. Il ritmo è veloce. Cacia si beve Goian come un bicchiere di buon vino,lui prova a rientrare, la palla arriva a Sgrigna che centra il palo da venti metri.E’ il minuto 2°. Cominciamo bene!!! Il Verona è solido, messo bene in campo, riparte veloce ed è sempre pericoloso.
Lo Spezia è spuntato , anche dopo che Atzori fa entrare Antenucci al posto di Di Gennaro, come al solito molto attento alla chioma e poco al resto. SanMarco non ce la fa a cantare e portare la croce, Porcari è insufficiente in copertura e in costruzione. Buona prova di Musacci, che mette ordine a centrocampo. Ma c’è ancora molto da lavorare, inutile dire il resto. A dieci minuti dalla fine il patatrac, cross dalla trequarti di Halfredsson e testa di Cacia lasciato colpevolmente solo. Gol 0-1.Le solite amnesie o amnistie(gol da galeraaaaaa) difensive. Va be’ però ci sta di prendere un gol così, ma per farne bisogna tirare in porta!! Da segnalare l’entrata in Campo anche di Bovo e di Aristotiles-Okaka autore anche di un tiro in porta….Oggi il Santo non pervenuto, troppe ferie.
Comunque,ci vorrebbe un allenatore con le palle, ma aspettiamo e diamo fiducia ad Atzori (non è mica pugliese questo!). In caso di bisogno estremo per la panca Oronzo Cana’ è disposto anche gratis!
Oronzo Cana’

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.