Wagner & Lepage: la Walhalla machine

Apprezziamo l’idea del Comitato Promotore del Festival wagneriano alla Spezia, e nella speranza che si possa concretizzare questa manifestazione dedicata al grande compositore tedesco nonché imprescindibile riformatore della scena, vogliamo dare il nostro contributo in forma di saggio sul recente allestimento della Tetralogia wagneriana a firma di Robert Lepage, considerato l’erede di Bob Wilson. Perché anche il teatro d’opera si sta rinnovando.

La techno regia wagneriana di Lepage

Per la regia del ciclo wagneriano al Metropolitan di New York del 2011 (la tetralogia verrà conclusa nell’aprile 2012) viene chiamato il pluripremiato regista canadese ROBERT LEPAGE che coinvolgerà i suoi soliti collaboratori tecnici e artisti (tra cui lo scenografo CARL FILLON), videomaker, creatori di effetti visivi, persino i produttori esecutivi del Cirque du soleil (di cui Lepage ha firmato due allestimenti), forse gli unici in grado di garantire un allestimento all’altezza di un teatro dalla fama colossale come il Metropolitan.

Fu Josef Svoboda a disegnare le più famose scene della tetralogia di Wagner Der Ring des Nibelungen per ben 3 volte: al Covent Garden a Londra (1974-76), al Grand Théâtre di Ginevra (1975-77), e al Théâtre Antique d’Orange, Francia (1988). Ma è la versione londinese, in cui lo scenografo cecoslovacco utilizzò il laser, quella più vicina alla ipertecnologica versione di Lepage. 

Per l’atmosfera del Crepuscolo degli dei la scena si libera di ingombranti oggetti per ospitare un unico monstrum leonardesco che sembra uscito dalle mani di un alchimista d’altri tempi.
Ecco allora il protagonista incontrastato della scena, l’enorme macchina progettata da Fillion per l’intera tetralogia, vera opera di ingegneria meccanica, fatta di 45 assi di 9 metri di fibra di vetro ricoperta di alluminio, mobili autonomamente l’uno dall’altro e che si sollevano e ruotano a 360° grazie a un complesso sistema idraulico che permette un gran numero di forme differenti, diventando la spina di un dragone, una montagna o il cavallo delle Valchirie:
I movimenti dell’architettura di scena avvengono con intervalli da 5 o 10 minuti e sono controllati in parte a mano in parte da un computer. Un’uso — pare — strabiliante e fortemente realistico del 3D senza visori da parte del pubblico, è stato creato per le scene della foresta in Siegfried.
La chiameranno la Walhalla machine, qua in azione per la Cavalcata delle Walkirie. E, da vera diva, strappa applausi a scena aperta:
Sulla superficie di questi assi che somigliano a tasti di un gigantesco pianoforte e che nei movimenti ricordano un po’ i mostri fantasy di Dune, vengono proiettate immagini in videomapping, a mostrare alberi della foresta, caverne, le acque del Reno. Sono state usate sia immagini statiche che immagini interattive, quest’ultime ottenute grazie a un sistema di motion tracking da telecamere.
Réalisations con Maginaire inc., hanno realizzato gli effetti video 3D e interattivi gestiti dal software Sensei.
La macchina scenica complessiva è di tali proporzioni e di tale pesantezza (45 tonnellate) che il Metropolitan ha fatto sapere di aver rinforzato il palcoscenico. I giornali hanno parlato di “un’affascinante combinazione di complessa tecnologia e semplicità estetica”, “traditionale e rivoluzionario” ma anche di una produzione “troppo simile a un musical di Broadway” mentre il N.Y. T va giù ancora più pesante e titola la recensione: Ring V/s Spider man.
Produzione dunque, che rimarrà negli annali anche per l’impiego di una tecnologia avanzatissima e per il numero straordinariamente alto di tecnici e progettisti, e di conseguenza, per essere forse uno dei più costosi allestimenti teatrali di tutti i tempi (si parla di sedici milioni di dollari).
Cosa che non sembra aver preoccupato molto Peter Gelb, general manager del Metropolitan dal momento che ha venduto l’esclusiva della diretta HD ai teatri e ai cinema di quaranta Paesi.
Per Lepage, dunque, un sold out esteso a tutti i media del pianeta.
Advertisements
Advertisements
Advertisements

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.