Spezia, sconfitta interna contro il Padova

Spezia-Padova-2-3

 

SPEZIA (4-3-1-2): Iacobucci 5; Madonna 6, Benedetti 6, Goian 6,5, Garofalo 5; Bovo 6 (49’ Antenucci 6), Porcari 6,5, Lollo 6,5; Di Gennaro 5,5; Sansovini 6, Okaka 6,5. (Mozzachiodi, Pasini, Mandorlini, Piccini, Crisetig). All.: Serena.

 

PADOVA (4-4-2): Anania 6,5; Cionek 6, Legati 6, Feltscher 6,5, Jelenic 6 (51’ Nwankwo 5,5); Rispoli 6, De Vitis 5, De Araujo 6, Piccinni 6,5; Farias 7 (68’ Raimondi 5,5), Cutolo 6,5 (79’ Franco sv). (Silvestri, Granoche, Longato, Acka). All.: Colomba.

 

 

ARBITRO: Fabbri di Ravenna 5,5.

 

MARCATORI: 6’ Farias (P); 19’ Okaka (S); 32’ Cutolo (P); 43’ Farias (P); 68’ Goian (S).

 

NOTE: Spettatori 6000 circa di cui 1546 paganti (4150 abbonati). Terreno sintetico scivoloso; pomeriggio uggioso. Ammoniti: Okaka, Lollo, De Vitis, Piccinni. Espulso per doppio giallo De Vitis. Angoli: 9 a 2. Recupero: 1’; 4’.

 

Lo Spezia esce con una sconfitta immeritata nell’ultimo match interno del girone di andata del campionato. Decisamente meglio in casa veneta con la vittoria della formazione allenata dal neo mister Colomba, subentrato in settimana all’esonerato Pea. Sconfitta immeritata perché gli aquilotti pagano a caro prezzo due errori clamorosi di calciatori spezzini: Garofalo sull’azione del primo gol e Iacobucci sull’episodio della seconda marcatura patavina.

Match molto vivo sin da subito: 3’ Sansovini da fuori area palo a portiere battuto. Dal possibile vantaggio aquilotto al vantaggio ospite: errore di Garofalo in possesso palla, bravo Farias a duettare con Rispoli che poi riceve e mette in rete per l’1 a 0. Lo Spezia non ci sta e macina gioco senza però realizzare. Al 13’ Okaka di testa mette alto di poco; al 14’ ancora Okaka impegna in angolo Anania. Al 19’ ecco il pareggio; è Sansovini che trova in area Okaka lesto a mettere in rete per il meritato pareggio. Gli aquilotti sembrano il lontano parente della deludente prestazione di sette giorni fa a Lanciano. Ma al 32’ ecco il fattaccio: da una punizione sulla sinistra di Cutolo, tirata direttamente tra le braccia di Iacobucci, lo stesso non trattiene la sfera a terra e scivola in rete: incredibile vantaggio veneto. Il Padova è in vantaggio ma quanto aiuto da parte della difesa spezzina.  Al 43’ sul filo del fuorigioco tris Padova: Farias è abile a sfruttare un’altra incertezza della difesa aquilotta con benedetti e così si va al riposo sul vantaggio ospite di 3 a 1.

Ripresa con lo Spezia tutto in avanti alla ricerca di una rimonta difficile: Antenucci in campo al posto di Bovo: mister Serena rischia il tutto per tutto, sbilanciando la sua squadra in avanti. Al 50’ palo clamoroso di Feltscher che per poco non segnava una rocambolesca autorete. Al 58’ punizione di Madonna ma Anania pur incerto a non trattenere riesce a impedire la rete. Al 68’ Sansovini si trasforma ancora una volta in assist per Goian che in area di testa mette in rete per il 2-3. A questo punto lo Spezia cerca di raggiungere la parità strameritata e il Padova rincula a difendersi. Al 76’ poi l’ingenuo De Vitis, già ammonito si fa ancora una volta ammonire lasciando in suoi in inferiorità numerica. Mister Colomba trema ma alla fine riesce a portare a casa una importante vittoria, nonostante gli attacchi spezzini sino al 4’ di recupero. Al 90’ Antenucci calcia malamente in area la possibile palla del pareggio. Auguri a tutti e il campionato continua anche per Santo Stefano.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.