Mr. Serena, decisivo come sempre!

Oggi il posticipo di serie B propone allo stadio Mannuzzi  Cesena-Spezia. Partita da tripla: il Cesena ha una bella squadra e una brutta classifica, Comotto , Graffiedi, Succi , Djokovic,Belardi, e alcuni buoni giovani. Lo Spezia cambia qualcosa e Mister Serena pare intenzionato a mettere un campo una squadra equilibrata con “bellicapelli” DI Gennaro dietro alle due punte, “statuta di sale” Antenucci e il Santo SanSovini. A centrocampo SanMarco, Porcari , Bovo. Dietro non c’è Goian, squalificato per quattro giornate, rientra Pasini in coppia con Schiavi. Madonna a destra e Garofalo a sinistra completano la squadra davanti a Iacobucci.
La cornice di pubblico è importante, i tifosi delle due squadre non fanno mancare la loro presenza e il costante sostegno.
Lo Spezia parte a razzo, cinque minuti ed è in vantaggio. Il solito gol del Santo. Azione sulla destra cross di Madonna e gol celestiale di San Sovini.Goooool 0-1, Sembra facile. Lo è per tutto il primo tempo, con il Cesena che prova a tenere palla e ad assediare lo Spezia. Ma la squadra tiene il campo, non si scompone. Il Cesena è velleitario e anzi a pochi minuti dalla fine del tempo una bomba di un ottimo Porcari piega le mani di Belardi che è salvato dalla traversa. Lo Spezia c’è. Anche Belardi, purtroppo.
Fine del primo tempo senza un secondo di recupero. Si rientra negli spogliatori con uno 0-1, lo Spezia appare finalmente una squadra matura che in vantaggio gestisce il risultato senza affanni. Lo schema bi-zona (fate quello che vi pare..) sembra uno sbiadito ricordo.
Secondo tempo. Dopo pochi minuti si fa male Graffiedi e Mister Bisoli è costretto al cambio. Entra Succi, e per chi lo conosce il brivido corre lungo la schiena. L’ex attaccante del Palermo ha un palmares lungo una pagina e in B ha sempre segnato a raffica.
Ma è lo Spezia che ancora fa vedere belle cose, e San Sovini prima su lancio di Garofalo con tiro al volo e poi su assist di Antenucci calcia fuori e non ripete il miracolo. Fratelli preghiamo.
Gol mangiato, gol subito…regola aurea del calcio. E’ il 26°, Mister Serena, inattivo (fortunatamente) fino a quel momento, si ricorda che viene stipendiato per fare qualcosa: toglie “bellicapelli” Di Gennaro fino allora positivo e fa entrare Aristoteles-Okaka, in vantaggio sposta il baricentro della squadra ancora piu’ in avanti. Scelta che ai più appare incomprensibile. Primo comandamento del calcio, se sei in vantaggio e non subisci non cambiare l’inerzia della partita…. Passano 5 minuti ed ecco la beffa, il Cesena fino ad allora del tutto inesistente trova il jolly con la vecchia volpe Succi che sfrutta un cross dalla destra di Ceccarelli che si libera di Garofalo con un calcione e lo lascia tramortito al suolo. Per l’arbitro Di Bello tutto regolare.
C’è ancora da segnalare il goffo tentativo della speranza nera Aristoteles –Okaka di portare lo Spezia in vantaggio, ma solo di fronte a Belardi frana miseramente, rammentando a tutti che fare gol è un’arte che non si improvvisa e che Bomber si nasce e non si diventa per sbaglio.
Ma la partita si incanala sull’1 a 1 e pare soddisfare tutti.
Ancora una volta Mister Serena è stato decisivo, nel bene e nel male .
Il”fenomeno” ce lo abbiamo noi!
Oronzo Cana’

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.