Mr Serena e lo schema bi-zona.

Oggi al Picco Spezia-Juve Stabia. La squadra di Castellamare si presenta in tenuta giallo nera a strisce, non per niente vengono chiamte “vespe”, lo Spezia in classica tenuta bianconera. Arbitra Ciampi da Roma. Mister Serena ripropone la squadra con lo schema bi-zona (fate quello che vi pare…), rientra Bovo e sta fuori Porcari a centrocampo Crisetig non gioca ma c’è Madonna sulla fascia, in difesa e in attacco nessun cambiamento. Le “vespe” propongono un attacco di vecchie volpi, Harry Potter Cellini insieme al lituano Danilevicius ; a centrocampo Caserta e Genevier, l’ex pisano…
Il primo tempo inizia con lo Spezia che balbetta. Nessuno organizza il gioco. SanMarco è in una delle sue giornate abuliche. In attacco Aristotele-Okaka sbraccia e si danna, ma è solo: la statua di sale Antenucci fa poco e anche SanSovini è sottotono. Un paio di sgroppate sulla fascia di Garofalo e un paio di tiri sbilenchi tra gli sbadigli di un pubblico che sembra aspettare che la miccia si accenda. Non si accende. Ma le vespe non stanno a guardare e a cinque minuti dal termine ci pensa Danilevicius a buttarla dentro su passaggio di Acosty, mentre la difesa bianca sta a guardare… Neanche il tempo di riordinare le idee e si va al riposo Primo tempo 0 a 1.
Al rientro in campo lo Spezia pare un’altra squadra. Pressing , raddoppi e boccino costantemente in mano. Ma la supremazia è sterile, lassu’ nessuno punge. E allora ci pensa lui SanSovini: 10° del secondo tempo, punizione sulla sinistra Garofalo tira, Aristoteles –Okaka fa sponda di testa e acrobazia del Santo. E’ goooool.. Il pubblico si anima . Il Picco torna ad essere una vera bolgia. . Intanto Mister Serena mette la ciliegina nell’assetto tattico della squadra e fa entrare la quarta punta , entra “belllicapelli” Di Gennaro ed esce Piccini .La squadra prova a dannarsi e al 20° “statua” di sale Antenucci ha la palla del vantaggio, lanciato benissimo perde l’attimo e non punge.E allora ci pensano un paio di minuti dopo le “vespe”ancora con Danilevicius tra il completo disinteresse della difesa bianca .1-2.
Lo Spezia riparte a testa bassa, ma pare un’armata brancaleone all’arrembaggio. E qui a 5 minuti dalla fine succede quel che nessuno osava aspettarsi. Statua di sale Antenucci si ricorda di essere un campione e fa una serpentina sulla sinistra, arriva al limite dell’area e bammm la mette in porta. 2 a 2. Il pubblico pare incredulo. Lui quasi non esulta. Pare con la testa da un’altra parte…boh. Intanto Mister Serena prova il colpo di teatro, esce la speranza nera Aristoteles-Okaka entra “crisantemi” Pilchman.
Partita strana, manco il tempo di godersi il pareggio che lo Spezia a due minuti dal termine becca il terzo gol da Di Cuonzo. I tifosi campani saltano come dei matti e dall’altra parte qualcuno inneggia al Vesuvio… E poi ci si mette anche Ciampi da Roma , l’arbitro, che non ne imbrocca una. Partita strana. Eppure noi avremmo scommesso sullo Spezia….Se è sfortuna basta un po’ di occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio . E se invece non lo è?
Oronzo Cana’

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.