Arcola e i garibaldini, un libro di M.R. Marchet e Giorgio Neri per Edizioni Giacché

Il prossimo venerdì 16 novembre, alle ore 16,00 presso la Sala della Società Mutuo Soccorso, in via Gordesco, ad Arcola, verrà presentato il volume: “Arcola e i garibaldini. Dal Risorgimento alla Resistenza.” di M.R. Marchet e Giorgio Neri.

Introduce il Sindaco Livio Giorgi assieme all’Assessore alla cultura Emiliana Orlandi, a seguire gli interventi degli autori e dell’editore.

Presentatrice d’eccezione sarà la Direttrice del Museo del Risorgimento –  Istituto Mazziniano di Genova, dott.ssa Raffaella Ponte.

Il libro, nell’accurata e brillante veste grafica curata dall’editore Irene Giacché, presenta una grande ricchezza di soggetti fotografici e documentari, autentici “tesori sepolti” riemersi casa per casa mediante una ricerca capillare, tra cui figurano preziosi fotoritratti dei garibaldini, medaglie ed onorificenze, che offrono un affresco della partecipazione della comunità arcolana alle battaglie dell’”eroe dei due mondi” per l’unificazione italiana e alle guerre per l’indipendenza nazionale.

Quanti furono i garibaldini combattenti? La questione è ancora oggi aperta: di certo furono più di 35.000; probabilmente, più di 50.000, secondo recenti ricerche compiute dagli archivi di Stato di Torino.

Nella seconda metà il libro documenta inoltre come la figura di Garibaldi torni ad ispirare le azioni eroiche del nostro popolo in momenti particolarmente drammatici della storia più recente.

Nascono così le gesta delle “brigate Garibaldi” di Spagna contro la dittatura franchista (1936-39) cui Arcola diede nuovamente un grande contributo di partecipazione. E ancora, anni dopo, durante la seconda guerra mondiale, “divisione Garibaldi” fu chiamata la formazione partigiana in cui anche molti arcolani combatterono durante la Resistenza. Nomi come quello di Bacchini e Rolla si affiancano così ai protagonisti di un’epoca, già noti attraverso le pagine dei libri di storia come volontari combattenti per la libertà, sottolineando il grande contributo che la nostra provincia ha dato anche alla Liberazione.

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.