La CIA spezzina a colloquio col ministro Catania

Lo scorso 24 ottobre, presso l’Aula magna dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale, ad Alessandria, si è svolto il convegno organizzato dalla Confederazione Italiana Agricoltori della Liguria e del Piemonte dal titolo: ”Un patrimonio sotto i nostri piedi, rispettiamolo”. L’uso e la corretta gestione del territorio, la difesa delle realtà agricole presenti dalla perdita di superficie agricola, all’incuria e all’abbandono dei terreni sono stati gli argomenti centrali del convegno che ha visto una grande partecipazioni di agricoltori, di studiosi e di amministratori con la presenza di più di 400 persone. Al convegno hanno partecipato anche il presidente della CIA nazionale Giuseppe Politi, il Ministro delle Politiche Agricole Mario Catania e gli assessori regionali di Piemonte e Liguria all’agricoltura e all’urbanistica.
Anche la CIA della Spezia era presente con una delegazione guidata dal direttore provinciale dottoressa Francesca Cecchini che ha espresso preoccupazioni per i territori colpiti dall’alluvione e per l’intera provincia a distanza di un anno dai tragici eventi che hanno coinvolto il territorio spezzino. L’intervento del Ministro Catania va in questa direzione. Ha illustrato i contenuti ed il significato politico del disegno di legge del Governo sul consumo di suolo, a cui va il merito di aver riportato al centro del dibattito politico un tema fondamentale per lo sviluppo del settore agricolo e per il futuro del Paese. “La presenza contemporanea della componente politica agricola e urbanistica è a dimostrazione del fatto che queste due realtà devono lavorare di pari passo ed in equilibrio” dichiara la dottoressa Francesca Cecchini, “E’ importante trovare una strategia comune che dia sicurezza alle persone e alle attività produttive, soprattutto in agricoltura, costruendo un sistema ambientale realmente sostenibile, valorizzando l’agricoltura quale volano di riequilibrio territoriale, produttivo e sociale”. Il convegno organizzato è un chiaro segnale contro l’abbandono del territorio e l’incuria a favore del “ritorno alla terra”.

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.