Gli enti governativi, e non, ci stanno osservando

“Dichiaro quanto segue: Qualsiasi persona o ente o agente o agenzia di qualsiasi governo, struttura governativa o privata, utilizzando o il monitoraggio di questo sito o qualsiasi dei suoi siti associati, non ha il mio permesso di utilizzare informazioni sul mio profilo…”

Copiate questa frase sui vostri profili facebook, Twitter e quant’altro, cercatela per intero su google, io ne ho riprodotto solo una parte, ne va della sicurezza vostra e dei vostri cari.

Dovete sapere che ci sono spie di più enti governativi (e non) che frugano nei profili facebook, ma, grazie a questa formula, che è stata scritta da Amelia in persona (o meglio, in papera) questi enti o persone che siano, una volta letta, non potranno più fare nulla, come colti da un incantesimo.

So ad esempio di un piano intero di spie in un ministero di Roma che stavano leggendo profili facebook di nascosto per raccogliere interessantissime foto di serate al pub passate a farsi foto, e, mentre leggevano, a un certo punto le spie ministeriali hanno incontrato la suddetta potentissima frase, e sono diventate tutte, su tutto il piano, di marzapane.
Che è anche stuccoso da mangiare dopo un po’.

Chiaro che rimanere indifesi senza questa frase sulla bacheca non è consigliabile. La mia vicina di casa, per esempio, non aveva il profilo facebook e allora io gliel’ho fatto aprire e le ho fatto scrivere la frase magica, così ora è protetta.

Per sicurezza a un altro mio vicino, un poco anziano, gliel’ho stampata e attaccata al cruscotto della macchina, a fianco dell’icona di Padre Pio.

Non bisogna scherzare con queste cose. So di un mio amico che è stato spiato da un ente governativo, e da uno non governativo subito dopo. Se ne è accorto perché gli hanno messo “mi piace” su un paio di foto della fidanzata.

A un altro mio amico sono entrati addirittura in casa, mentre lui non c’era. Quando è tornato, ha visto la porta aperta, ha chiamato i carabinieri, che gli hanno confermato i suoi sospetti; macchè ladri, molto probabilmente sono stati quelli degli enti governativi, e non.

Ora siete allertati, sappiate che se mettete “mi piace” a questo articolo, l’ente governativo, e non, lo saprà, e dopo, beh, dopo.
Eh, dopo.

Ci siamo capiti, e non.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.