Il taglio degli alberi in Viale Amendola continua ma il Comune non risponde sulla legittimità dell'azione

Le Associazioni firmatarie del presente comunicato ritengono necessario informare la cittadinanza sullo stato e legittimità dei lavori.
In nessuno dei documenti richiesti e consegnati risulta da esame fitopatologico e da certificazione di organismi competenti e delegati che i platani di Viale Amendola sono affetti (quali e quanti) da cancro colorato.

E’ stata richiesta ma negata dall’Amministrazione un’analisi fitopatologica a campione (costo euro 1500 circa) che le Associazioni si sono dichiarate disponibili a prendere a proprio carico.

La instabilità (propensione al cedimento) è stata accertata solo per 23 alberi dalla Società DEMETRA tramite la VTA. La VTA è una prova soggettiva e si basa sull’aspetto visivo della pianta e sulla valutazione di un esperto che con strumenti appositi rileva il grado di “rammollimento” interno del tronco, la prova non è considerata dalle autorità giudiziarie “decisiva”. Nei tronchi già tagliati da noi visionati non è stato evidenziato e fotografato nessun “rammollimento interno”.

Come prova decisiva per confermare la stabilità di un albero viene eseguita la “prova tirante” esclusivamente strumentale e quindi oggettiva. La prova, ad esempio, è stata eseguita sul leccio centenario sotto il castello di San Terenzo, pianta che apparentemente risultava pericolosa ed instabile e che invece è risultata più che sicura e lasciata in loco. La prova tirante viene eseguita dalla Società DANDROTEC di Monza ed è stata proposta, sempre a campione, all’Assessore Cristiano Ruggia, anche questa volta con assunzione delle spese da parte delle Associazioni.

Da notare che il costo della prova è di soli 700 euro. La prova tirante non comporta pericoli, interruzioni di traffico od altri consistenti disagi per la cittadinanza, in special modo se eseguita nelle prime ore del mattino.

La prova è stata negata!

Lasciamo al lettore qualsiasi commento ed aspettiamo di essere smentiti su quanto affermato mentre abbiamo chiesto e stiamo aspettando il progetto, i costi del progetto e dei lavori con relative fonti di finanziamento.

 

Associazioni firmatarie:

Italia Nostra, Legambiente, WWF, LIPU, FAI, Comitati cittadini, Cittadinanza Attiva, Comitato per la Cernaia, Comitato Salviamo la Pinetina

Advertisements
Advertisements
Advertisements

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.