Spezia, ritorno alla vittoria contro la Reggina

Spezia-Reggina-1-0

 

SPEZIA (4-3-1-2): Iacobucci 6,5; Piccini 6, Schiavi 6 (39’ Benedetti 6), Goian 6, Garofalo 5,5; Bovo 6,5, Sammarco 6, Lollo 6,5; Di Gennaro 5,5 (59’ Pichlmann 6); Sansovini 7, Antenucci 5,5 (66’ Crisetig 6). (Russo, Mario Rui, Mandorlini, Porcari). All.: Serena.

 

BRESCIA (3-5-2): Baiocco 6,5; Adejo 6, Ely 6, Di Bari 6; D’Alessandro 5,5 (76’ Melara 5,5), Armellino 5,5, Hetemaj 6, Barillà 6, Rizzato 6; Fishnaller 5,5 (58’ Sarno 6), Ceravolo 6,5 (’82 Comi sv). (Facchin, Bergamelli, Castiglia, Bombagi). All.: Dionigi.

 

 

ARBITRO: Gavillucci di Latina 5,5.

 

MARCATORI:57’ Sansovini (S).

 

NOTE: Spettatori 5500 circa di cui 1326 paganti (4146 abbonati). Terreno sintetico scivoloso; pomeriggio uggioso, pioggia intermittente. Ammoniti: Garofalo, Goian, Sammarco, Armellino, Barillà, Di Bari. Espulso per doppia ammonizione Armellino. Angoli:6 a 5. Recupero:1’;4’.

 

E fu vittoria: dopo tre sconfitte consecutive la formazione aquilotta torna alla vittoria anche se con tanta fatica e dopo un primo tempo molto impacciato, con gli ospiti più pimpanti e volitivi.

Mister Serena deve rinunciare allo squalificato Okaka (sanzione ingiusta e purtroppo senza l’ausilio della “prova tv”) e dell’infortunato Madonna. Calabresi mai al “Picco” con mister Dionigi senza Freddi.

E’ un inizio impacciato per i padroni di casa, al contrario i calabresi partono sempre su errori a centrocampo da parte della manovra aquilotta: si vedono gli “spettri” delle tre sconfitte consecutive in casa Spezia.

Al15’ Reggina vicina al vantaggio con Ceravolo che da partire un tiro che con una leggera deviazione di Iacobucci si stampa sul palo alla sinistra del portiere spezzino. Nella ribattuto Fishnaller spreca malamente da ottima posizione mandando fuori la sfera. Spezia che rischia di subìre i contropiedi della Reggina; poca manovra a centrocampo e alcune disattenzioni su cui gli ospiti godono ampi spazi in contropiede. Al25’ Garofalo per Sansovini con tiro senza pretese. Al 34’ per poco il portiere calabrese combina “la frittata” parando in due tempi con scoordinazione una innocua conclusione aquilotta. Al35’ ancora Ceravolo per gli ospiti che da buona posizione non riesce a trafiggere Iacobucci che non si fa sorprendere dal tiro. La Reggina si fa preferire per la voglia e il gioco che impone allo Spezia. Al 40 ’è sempre Ceravolo che dal limite trova Iacobucci attento alla deviazione in angolo. Al 44’ un lampo di Di Gennaro fa gridare al gol dei padroni di casa ma Baiocco è bravo a non farsi sorprendere dal tiro dai25 metri.

Nella ripresa lo Spezia non cambia marcia e forse la Reggina non ne approfitta. Al 48’ un tiro senza pretese da parte di Di Gennaro per gli aquilotti è il preambolo del vantaggio dello Spezia. Da un corner al 57’ ecco spuntare la testa del capitano aquilotto Sansovini che appostato sul vertice dell’area piccola sul primo palo mette dentro: per Baiocco non c’è nulla da fare. Adesso gli aquilotti si distendono e forti del vantaggio sembrano giocare meglio rispetto al primo tempo. Al 58’ ancora Spezia pericoloso con Antenucci che serve Di Gennaro, ma Baiocco è attento. Al 62’ Reggina in dieci uomini: seconda ammonizione, forse troppo severa, per Armellino. Ora per i calabresi diventa difficile. Lo Spezia si fa pericoloso con il neo entrato Pichlmann che sulla sinistra mette un traversone sul secondo palo dove in area Sansovini al volo scheggiala traversa. Gliospiti sembrano non impensierire come in precedenza la retroguardia aquilotta. Al 74’ ancora Ceravolo mette un diagonale a lato di poco. Al 79’ il neo entrato Crisetig serve Sansovini che non riesce a trafiggere Baiocco, molto attento nella circostanza. Finisce di misura con una vittoria-ossigeno per il gruppo aquilotto di mister Serena.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.