La Spezia nel suo primo quotidiano.

Lunedì 1 ottobre alle 21:15 al CAMeC, in occasione di Libriamoci, il giornalista Gino Ragnetti intervisterà lo scrittore spezzino Alberto Scaramuccia, esperto di storia locale, in occasione della presentazione del libro “La Spezia nel suo primo quotidiano” (Edizioni Cinque Terre).

Il primo quotidiano della Spezia è “La Difesa” che esce dal 24 dicembre 1887 al 15 luglio dell’anno successivo. La testata è fondata dal marchese Prospero De Nobili che all’epoca milita fra i radicali spezzini di cui è leader agitando parole d’ordine in cui si mescolano, anche in maniera confusa, dottrina mazziniana ed istanze collettiviste, idee del primo socialismo e adesione alla Massoneria di cui presto diventerà alla Spezia il capo riconosciuto. Il giornale è uno degli strumenti che idea per acquisire popolarità specie fra i lavoratori che una diecina d’anni dopo lo porteranno alla Camera con quella parte della borghesia locale che vuole emanciparsi dall’egemonia che allora la Marina vanta sul territorio. Dalle lettura dei duecento e passa numeri del giornale esce fuori con vivacità l’immagine della Spezia che cerca di rialzare il capo dopo le tre consecutive, tremende epidemie di colera che hanno inferto colpi durissimi alla Città che è per di più ancora afflitta da mali antichi (dall’igiene alla ristrutturazione economica, dalla sanità al consolidamenti civile) mentre vive la difficile transizione dal mondo industriale ai tempi moderni che vedono la problematica evoluzione delle relazioni sociali per secoli rimaste statiche ed immutate. Il quotidiano rispecchia la volontà di una parte cittadina che prova, nonostante continui a mantenere atteggiamenti altezzosi nei confronti delle altre componenti sociali, a costruire un sistema di rapporti capace di superare l’immobilismo della vecchia classe dirigente sperimentando nuove forme di conduzione della cosa pubblica per aprirsi alle nuove realtà che vanno emergendo. Il respiro internazionale che si percepisce distintamente nelle colonne del quotidiano, è una delle conferme sia di questa volontà di aggregazione, che dei tempi nuovi che bussano prepotenti alle porte. Al giornale collaborò un giovane Ubaldo Mazzini che nel 1920 racconta la sua esperienza in una versione abbastanza “romanzata” già utilizzata senza le opportune verifiche. Il libro fa chiarezza finalmente anche sotto quest’aspetto.

L’ingresso è libero e la cittadinanza è invitata a partecipare.

Il sito di Alberto Scaramuccia: http://digilander.libero.it/cucusca/

Il sito ufficiale di Libriamoci: http://www.libriamocisp.it/

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.