Regione Liguria, via libera per una nuova legge sulla VAS: il commento di Marco Grondacci.

La Liguria è fortemente in ritardo, in tema di VAS: non s’è mai adeguata alla Direttiva europea 42 del 2001. Un anno fa il capogruppo di Sel in regione, Matteo Rossi, ha presentato una proposta di legge regionale per colmare questa lacuna. Per VAS s’intende Valutazione ambientale strategica ed è  è un processo finalizzato ad integrare considerazioni di natura ambientale nei piani e nei programmi, per migliorare la qualità decisionale complessiva. In particolare la VAS ha l’obiettivo di valutare effetti dei piani o dei programmi ambientali prima, durante e alla fine del loro periodo di validità.

Oggi l’assessore Renato Briano, su Twitter, ha annunciato che presto la Liguria avrà la sua legge.

Abbiamo raccolto il commento di Marco Grondacci, noto giurista ambientale spezzino, e lo pubblichiamo:

E’ una buona notizia quella del via libera della Commissione competente del Consiglio Regionale alla nuova legge regionale sulla valutazione ambientale (VAS) dei piani urbanistici ed altri piani e programmi a rilevante e potenziale impatto sull’ambiente e sulle comunità locali che vivono sul territorio. Una norma che riallinea la Liguria al resto d’Europa dopo anni passati, da parte di Regione ed enti locali, ad aggirare che questa importante normativa volta a tutelare preventivamente il nostro territorio dalla logica cementificatrice nascosta dentro gli strumenti di pianificazione oltre che di altri strumenti di pianificazione e programmazione.  Il Testo originale presentato dalla giunta tentava di depotenziare questo importante strumento di valutazione per la tutela del territorio rimuovendone l’applicazione ad esempio

1. a tutti gli strumenti urbanistici attuativi dei piani urbanistici comunali

2. ai piani regolatore dei porti (come quello di Spezia) e alle loro varianti attuative

3. al coinvolgimento del pubblico nella fase di elaborazione e valutazione di detti piani e programmi.

Il disegno di legge alternativo sostenuto dai gruppo consiliari di FED e SEL, nonchè una serie di emendamenti presentati durante i lavori della commissione hanno impedito che passasse la visione minimalista e cementificatrice della giunta regionale.  Se il testo della legge verrà approvato in via definitiva dal consiglio regionale nella versione licenziata in commissione, si tratterà di vigilare affinchè questa legge venga applicata nel nostro territorio secondo i principi della Direttiva europea da cui deriva nonchè secondo gli indirizzi operativi che emergono dalle migliori esperienze in Europa ed in Italia.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.