PALERMO, VIA D'AMELIO 20 ANNI DOPO

Palermo, 19/07/2012

Vent’anni fa Via d’Amelio si tingeva di rosso, l’apatia del caldo pomeriggio siciliano rotta dal boato del tritolo, dalle sirene. Vent’anni fa Palermo si bagnava di lacrime di dolore e di rabbia. Ma ogni 19 luglio a colorare di rosso Via d’Amelio sono soltanto le agende del Movimento, a riempire la via sono le voci che chiedono giustizia. Oggi, a Palermo, le lacrime sono di commozione per le parole di Salvatore Borsellino che grida il nome di Paolo. Oggi in Via d’Amelio parlano i magistrati, con le voci che a tratti si spezzano, ci sono gli applausi a riempire il silenzio. Il sole arroventa l’asfalto, ma il popolo delle Agende Rosse non si lascia scoraggiare, non si arrende e continua a stringere in un abbraccio i suoi giudici, delegittimati, insultati, isolati.

“Non siamo qui solo per ricordare i morti, ma anche e soprattutto per stare vicino ai giudici vivi” così ripete Salvatore Borsellino. “Non siete soli” è l’urlo che si leva dalla folla per Nino di Matteo, Roberto Scarpinato, Antonio Ingroia.

No, non sono soli, ma avrebbero bisogno di sentirselo dire più spesso.

Marco Travaglio e Daniele Silvestri concludono la 3 giorni del 2012.

Arrivederci al prossimo anno, e speriamo che la stanza della verità, in cui finalmente i giudici sono arrivati, stanza che è ancora al buio, per il 2013 sia in piena luce.

Il popolo delle Agende Rosse, comunque sia, ci sarà.

Claudia Bertanza

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.